Arte: A Roma inaugura “Aurore”
×
×
È arrivato il momento di iscriverti
Segui Dude Mag, dai!

A Roma inaugura “Aurore”

A tutti è dovuto il mattino,  ad alcuni la notte. A solo pochi eletti, la luce dell’aurora. Emily Dickinson   L’aurora è un attimo inafferrabile. Difficile definirla notte, complicato definirla giorno. È un binomio, un contrasto, uno spettacolo che spiazza e che suscita nel suo osservatore una percezione di cambiamento e metamorfosi. Diciamo di rinascita. A […]

7 Giu
2017
Arte

A tutti è dovuto il mattino,  ad alcuni la notte.
A solo pochi eletti, la luce dell’aurora.
Emily Dickinson

 

L’aurora è un attimo inafferrabile. Difficile definirla notte, complicato definirla giorno. È un binomio, un contrasto, uno spettacolo che spiazza e che suscita nel suo osservatore una percezione di cambiamento e metamorfosi. Diciamo di rinascita.

A questa oscillante esperienza tra discesa e ascesa vuole portarci Aurore, la mostra che inaugura domani in via Baccina, Rione Monti. Ad intervenire negli spazi del Popping Club — aperti per la prima volta nella loro interezza (e che interezza!) —  saranno: James Hillman e la sua installazione Spring/Horizon, nella quale attraverso l’acqua saremo guidati verso un mondo interiore; Eugenio Carrabba con Declinazione del Liminale, incentrata su una luce gialla solare; Giulia Mangoni, con la sua sala pittorica; Lucrezia de Fazio con le sue immagini e suoni inafferabili e Gianfranco Toso, con la sua ambizione muta e ultraterrena.

Aurore è una mostra prodotta e curata dall’associazione culturale Cultrise con l’intento di, attraverso luci, buio, colori e ombre, attraversare un limite gravitazionale emotivo capace di attivare in noi meccanismi interiori troppo spesso addormentati.

Popping Club, Via Baccina 84, Roma (metro B Colosseo)
Vernissage: Giovedì 8 Giugno 2017 – dalle ore 18:00
Apertura al pubblico 09.06.2017 – 25.06.2017 | 16:00 – 21:00
Ingresso Gratuito
Info

 

Dude Mag
Dude Mag
DUDE è un manuale di sopravvivenza per gentiluomini, dal momento che ne sono rimasti pochi e vanno salvaguardati. Nel periglio della rete, Dude è l’atlante per orientarsi tra il guazzabuglio della produzione culturale telematica e le piccole zone d’ombra, alla ricerca di preziose gemme, conversazioni, galanterie che troppo spesso si nascondono ai margini delle strade più battute. Dude lavora a una cartografia esclusiva — facendosi lente d’ingrandimento sul dettaglio perduto — racconta i massimi sistemi in formato leggero.
Segui Dude Mag, dai!
Dude Mag è un progetto promosso da Dude