Arte: #EmptyScuderie: una visita al chiaro di luna della mostra “Il Museo Universale”
×
×
È arrivato il momento di iscriverti
Segui Dude Mag, dai!

#EmptyScuderie: una visita al chiaro di luna della mostra “Il Museo Universale”

Ieri sera — in una serata romana metereologicamente più calorosa e clemente rispetto alle ultime — siamo stati invitati alle Scuderie del Quirinale per un incontro speciale. Lo spazio, la cui gestione recentemente è stata affidata dalla Presidenza della Repubblica al Ministero dei beni e delle attività culturali e del Turismo, e quindi ad Ales […]

20 Gen
2017

Ieri sera — in una serata romana metereologicamente più calorosa e clemente rispetto alle ultime — siamo stati invitati alle Scuderie del Quirinale per un incontro speciale. Lo spazio, la cui gestione recentemente è stata affidata dalla Presidenza della Repubblica al Ministero dei beni e delle attività culturali e del Turismo, e quindi ad Ales (società in-house dello stesso Ministero, presieduta da Mario De Simoni), è rimasto aperto nelle ore notturne per  presentare a una ristretta selezione di influencer e opinion maker, la mostra Il Museo Universale. Dal sogno di Napoleone a Canova.

Inaugurata il 16 dicembre scorso, la mostra è curata da Valter Curzi, Carolina Brook e Claudio Parisi Presicce e vuole rievocare l’avventuroso recupero dei capolavori italiani dalla Francia dopo Napoleone. Tra il 1796 e il 1814 durante le campagne militari francesi, molte delle più importanti opere delle collezioni italiane sono state portate da Napoleone Bonaparte verso il nascente Museo del Louvre. Il progetto culturale della Francia mirava in quegli anni alla realizzazione di un museo universale, e di conseguenza molte delle opere ammirate e prese d’esempio del Settecento provenivano dal panorama artistico italiano.

 

 

Con il Congresso di Vienna, lo Stato Pontificio e le molte amministrazioni locali della Penisola, ottengono la restituzione dell’80 per cento delle opere che rientrano a Roma nella primavera del 1816. Prendere nuovamente possesso di quei lavori artistici, divenne pertanto questione cruciale per la restituzione alla città di fama e autorevolezza.

Il 2016 è quindi l’anno di un anniversario importante per queste opere che rappresentano con le loro figure non solo una ricerca artistica, ma anche il ricordo di un passaggio importante della storia civile e culturale dell’Europa e in particolare dell’Italia. Una tematica che appartiene alla nostra storia passata, ma che in tempi odierni riaccende dibattiti e discussioni riguardo il ruolo dell’arte all’interno le dinamiche sociali e politiche del nostro Paese.

Vi mostriamo in questo articolo alcuni degli scatti realizzati ieri sera dai partecipanti dell’evento per assaporare l’atmosfera delle Scuderie del Quirinale al chiaro di luna e della mostra che chiuderà le sue porte il 12 marzo.

 

Dude Mag
Dude Mag
DUDE è un manuale di sopravvivenza per gentiluomini e gentildonne, dal momento che ne sono rimasti pochi e vanno salvaguardati. Nel periglio della rete, Dude è l’atlante per orientarsi tra il guazzabuglio della produzione culturale telematica e le piccole zone d’ombra, alla ricerca di preziose gemme, conversazioni, galanterie che troppo spesso si nascondono ai margini delle strade più battute. Dude lavora a una cartografia esclusiva — facendosi lente d’ingrandimento sul dettaglio perduto — racconta i massimi sistemi in formato leggero.
Segui Dude Mag, dai!
Dude Mag è un progetto promosso da Dude