Almanacco del week end: Almanacco del week end
×
×
È arrivato il momento di iscriverti
Segui Dude Mag, dai!

Almanacco del week end

Cose di cui potreste parlare durante i giorni rossi del calendario.

Cose di cui potreste parlare durante i giorni rossi del calendario.

  

Trent Reznor e il nuovo film di David Fincher – Per la terza volta il regista David Fincher chiama Trent Reznor, e il suo compare Atticus Ross, per la colonna sonora di un suo film. Questa volta si tratta di Gone Girl, e ancora una volta ci aspetta una musica calda come una lastra di ghiaccio e morbida come una lama d’acciaio.

Reznor parla di com’è lavorare con il regista di Seven («Mi piace, lo rispetto e trovo che sia una persona di grande ispirazione per me»), del ruolo che la musica deve avere in un film e del suo futuro («Ho appena finito un tour lungo 18 mesi. Adesso voglio svegliarmi nello stesso posto per un po’»). Qui puoi ascoltare due estratti della colonna sonora di Gone Girl. 

++

Il sense of humor cambia con l’età – Se a otto anni il tuo film preferito è Piccola Peste, a dodici Arma Letale 2, a diciotto This Is Spın̈al Tap e a trenta un vecchio film di Woody Allen, il motivo è tutta una questione di radicali liberi.

Secondo i risultati di uno studio pubblicati su Psychology and Aging più diventiamo vecchi e meno apprezziamo lo humor aggressivo, non solo perché i tempi, e le sit-com, cambiano, ma soprattutto perché i colpi bassi della vita ci rendono un po’ meno cinici. Se vuoi saperne di più prosegui su The Atlantic

++

Inherent Vice, il nuovo film di Anderson –  Il 30 settembre, per svegliarci definitivamente dalla noiosa stagione cinematografica estiva, è stato diffuso dalla Warner Bros il trailer del nuovo film di Paul Thomas Anderson, Inherent Vice. Nel cast tante facce note: Josh Brolin, Owen Wilson, Benicio Del Toro, Eric Roberts, Jena Malone, Maya Rudolph. Il protagonista è lo stesso del precedente lavoro di Anderson: Mister-c’è-chi-lo-odia-e-chi-lo-ama, Joaquin Phoenix.

Dal trailer, che è da sempre la fonte d’aspettative più grande che ci sia, si direbbe che il regista si sia allontanato dalle atmosfere fredde di The Master per proporci una storia che sa più di Grande Lebowski. Tratto da un romanzo di Thomas Pynchon, Vizio di  forma, Inherent Vice racconta di Doc Sportello, un investigatore privato che ama le droghe e il surf, che indaga su una sua vecchia fiamma per via di un presunto complotto che coinvolge il suo nuovo amante. In Italia uscirà il 19 febbraio, per gli amanti dei sottotitoli, dal 4 ottobre debutterà in America. 

++

Il mondo animale sta scomparendo – La World Wildlife Fund e la Zoological Society of London hanno da poco condotto un’analisi sullo stato del mondo animale su questo pianeta. E il resoconto finale non pare aver tranquillizzato i ricercatori: il 52% della fauna selvatica è scomparsa negli ultimi 40 anni.

Ora lo sappiamo che il 52% della popolazione umana dal cuore non debole avrà poco da ridire su questo, ma i dati parlano chiaro: la causa di tutto ciò siamo noi. Le minacce principali per le popolazioni animali sono lo sfruttamento e il degrado dell’habitat, seguita dalla perdita di habitat, il cambiamento climatico e le specie invasive.

«Considerato il ritmo e la portata del cambiamento, non possiamo più escludere la possibilità di raggiungere punti critici che potrebbero cambiare bruscamente e in modo irreversibile le condizioni di vita sulla Terra», dice il rapporto. Forse quando i dati affermeranno che il 52% della popolazione umana è scomparsa qualcuno la smetterà di non fare niente a riguardo. 

++

Google sta rendendo stupidi gli studenti? – C’è quell’argomento ricorrente nelle nostre conversazioni, secondo il quale i bambini con queste calcolatrici di oggi non imparano a far di conto autonomamente. Figuriamoci quanto ci rende limitati un accesso agevole a Google, al Gps, a Wikipedia.

Eppure, lo sappiamo bene, la tecnologia consente progressi sbalorditivi ad una velocità altrettanto sbalorditiva. Come spiegare ad un quindicenne che farebbe bene ad andare a scuola quando tutte le informazioni di cui necessiterebbe ce le ha già a portata di mano?

Nicholas Carr vuole evitare equivoci, così ricorda a tutti che il grosso dell’apprendimento lo fa l’elaborazione soggettiva. Una nuova occasione per ripercorrere l’infinito dibattito su rischi e vantaggi della tecnologia. Un po’ di approfondimento su The Atlantic.

++

Chi l’ha detto che un libro per bambini deve contenere le figure?Forse vi ricorderete di lui come Ryan nella serie americana di The Office. O forse vi ricorderete di lui come sceneggiatore e co-produttore della stessa serie tv.

Può darsi anche che qualcuno non sappia ancora chi sia B. J. Novak e allora tanto meglio, perché potrà identificarlo come l’inventore del primo libro per bambini senza figure. L’operetta rappresenta una vera cospirazione ai danni del mondo degli adulti, per due motivi: 1. Li costringe a stare svegli per leggere le fitte pagine di testo a minori in età pre-scolare; 2. Il testo in questione è ricco di parole ridicole che gli adulti sono costretti a pronunciare procedendo nella lettura.

 

++

Il video che spiega il significato della bandiera europea – Lo straordinario processo – a ben vedere una storia di pochi elementari passaggi, ma molto curiosi – che ha portato alla scelta delle dodici stelle su sfondo blu, raccontato in un video da Michael Hobbes. 

++ 

WrongONyou live – DUDE inaugura la stagione musicale al GONE di Roma. Perché dovreste mancare? Qui tutte le info.

 

Questa puntata dell’Almanacco del Week End è gentilmente offerta da: Dario Chimenti, Elena Fortunati, Giordano Nardecchia, Edoardo Vitale.

Dude Mag
Dude Mag
DUDE è un manuale di sopravvivenza per gentiluomini e gentildonne, dal momento che ne sono rimasti pochi e vanno salvaguardati. Nel periglio della rete, Dude è l’atlante per orientarsi tra il guazzabuglio della produzione culturale telematica e le piccole zone d’ombra, alla ricerca di preziose gemme, conversazioni, galanterie che troppo spesso si nascondono ai margini delle strade più battute. Dude lavora a una cartografia esclusiva — facendosi lente d’ingrandimento sul dettaglio perduto — racconta i massimi sistemi in formato leggero.
Segui Dude Mag, dai!
Dude Mag è un progetto promosso da Dude