Almanacco del week end: Almanacco del week end
×
×
È arrivato il momento di iscriverti
Segui Dude Mag, dai!

Almanacco del week end

Cose di cui potreste parlare durante i giorni rossi del calendario.

Cose di cui potreste parlare durante i giorni rossi del calendario.

 

Vivian Maier – Ormai siamo estremamente affezionati alla saga che coinvolge Vivian Maier, i suoi scatti e i suoi eredi. E la saga sembra non deluderci mai.

A quanto pare, nonostante la disputa aperta in tribunale tra John Maloof e la famiglia resuscitata dal nulla della fotografa, che aveva messo in stand-by le esposizioni e le retrospettive dedicate alla tata di Chicago, è stata inaugurata il 30 ottobre una mostra alla Howard Greenberg Gallery di New York. Dalla scoperta dei suoi negativi ad oggi, questa è in assoluto l’occasione migliore per visionare tutto il suo lavoro dal 1950 al 1990.

++

La macchina da scrivere digitale – si chiama Hemingwrite ed è il prodotto tecnologico più inutile che tutti gli scrittori vorrebbero avere. Nell’era dei tablet e degli smartphone, della comodità del touchscreen a servizio del design ultrapiatto e ultraleggero, un duo di designer ha pensato bene di fare strike colpendo al cuore tutti i nostalgici della letteratura del Novecento e delle foto sbiadite dei nostri scrittori preferiti che tengono sottobraccio una scomoda e pesante Olivetti Lettera 32.

Hemingwrite è lo strumento perfetto per chi ama tenere un piede nel passato e uno nel presente: alla struttura in alluminio che riprende esattamente l’estetica delle vecchie macchine da scrivere, si abbina un piccolo schermo in cui è possibile cambiare il colore dell’inchiostro (ahem, dei pixel…), una memoria interna di un milione di pagine per gli scrittori più prolifici, una batteria in grado di reggere 6 settimane, oltre alla possibilità di connettersi via wi-fi e bluetooth e di scaricare e sincronizzare i propri documenti con le principali cloud apps. Vado a comprarla.

++

Mike Tyson gioca contro il Mike Tyson del 1987 – In questo video il buon vecchio Mike fa quello che tutti i giorni propongo di fare in ufficio: giocare al Nintendo su un maxi schermo grosso quanto tutta la parete.

++

I Millennials e la scienza – La pagina facebook I F*cking  love Science ha appena raggiunto i 18 milioni di ‘mi piace’ contro i 2k del magazine Scientific American e i 2.8k di Popular Science. «Sto solo dicendo alla gente che le cose che penso sono fighe» ha dichiarato la fondatrice nell’elaborare una spiegazione del suo successo. In realtà gran parte del merito è dovuto a questioni generazionali.

I Millennials (i nati tra il 1982 e il 2004) sono la generazione più istruita di sempre, a costante contatto con i social media e molto più portati per la scienza e la matematica che per le materie umanistiche. Da qui la crisi dell’editoria. Scherziamo.

No, non è vero, siamo seri. 

++ 

Basta esaltare le affermazioni del papa sull’evoluzionismo – In materia di evoluzione e di Big Bang, è difficile trovare un interlocutore più adeguato del Papa.

Non è vero, il Papa in verità non ne capisce molto. Pur tuttavia, ha scoperto l’evoluzionismo, vale a dire una teoria accolta dalla comunità scientifica a partire dal 1870. Del resto l’antipatica non-antropocentrica comunità scientifica non ha il problema del mantenere al centro delle sue riflessioni l’esclusività dell’essere umano rispetto fra tutte le creature. Grazie a Dio.

++ 

La mega intervista a Stalin – Per celebrare il centenario, New Republic si prende la libertà di ripubblicare alcuni articoli che hanno fatto la storia. A DUDE Mag non poteva sfuggire la proposta di questa intervista a Stalin (parliamo di Stalin almeno una volta a settimana), rilasciata a H. G. Wells, scrittore socialista inglese. Imperdibile l’intervista integrale.


Stalin al bar con Peter Sellers e Aldo Fabrizi

++ 

Voleva fare due passi e viene ritrovato dopo 5 giorni a 183 chilometri di distanza – Durante l’intervallo della partita di football tra Denver Broncos e San Diego Chargers dello scorso giovedì 23 ottobre Paul Kitterman, un baffone americano di cinquantaquattro anni originario di Kremmling in Colorado, decide di tornare a casa prima e sparisce nel nulla.

Questo mattacchione ha camminato per cinque giorni percorrendo 183 chilometri e mezzo dallo stadio di Denver, in Texas, ad una piccola cittadina del Colorado facendo preoccupare tutta la sua famiglia. 

Una volta trovato dalla polizia ha detto: «Volevo solo fare due passi». Vedendo queste foto, proprio non capiamo cosa abbia da ridere.

++

Cosa sentono in realtà le persone che parlano con Dio? – La prossima volta che aprirete la Bibbia e vi capiterà di leggere di una voce altisonante proveniente dall’alto di una montagna o dal profondo di una caverna, potrebbe non trattarsi di Dio.

Durante una conferenza dell’Acoustical Society of America Steven J. Waller, uno studioso del suono nel campo dell’archeologia, ha affermato che forse gli uomini dell’antichità potrebbero aver scambiato la voce del Signore per un semplice effetto acustico: l’eco. 

Waller spiega: «Il suono, invisibile e pieno di complessità poteva essere facilmente scambiato per qualcosa di soprannaturale. Quanti altri fenomeni “magici” dell’antichità dobbiamo ancora svelare?». Se vuoi approfondire vai su mic.com.

 

Questa puntata dell’Almanacco del Week End è gentilmente offerta da: Olga Campofreda, Dario Chimenti, Edoardo Vitale, Elena Fortunati, Giordano Nardecchia.

Dude Mag
Dude Mag
DUDE è un manuale di sopravvivenza per gentiluomini e gentildonne, dal momento che ne sono rimasti pochi e vanno salvaguardati. Nel periglio della rete, Dude è l’atlante per orientarsi tra il guazzabuglio della produzione culturale telematica e le piccole zone d’ombra, alla ricerca di preziose gemme, conversazioni, galanterie che troppo spesso si nascondono ai margini delle strade più battute. Dude lavora a una cartografia esclusiva — facendosi lente d’ingrandimento sul dettaglio perduto — racconta i massimi sistemi in formato leggero.
Segui Dude Mag, dai!
Dude Mag è un progetto promosso da Dude