La Canadese: Possibile?
×
×
È arrivato il momento di iscriverti
Segui Dude Mag, dai!

Possibile?

Il nome del nostro nuovo progetto politico è stato sempre ripreso a sproposito dalla stampa borghese. Non si chiama Possibile.

21 Giu
2015
La Canadese

Attacco in sottofondo Buio Omega dei Goblin. Dichiaro:

Il nome del nostro nuovo progetto politico è stato sempre ripreso a sproposito dalla stampa borghese. Non si chiama Possibile, non c’è nessuna continuità con Podemos – io detesto gli spagnoli, la loro sveglia alle 10, il tiki-taka, gli ovuli di fumo che si ficcano nel culo, e la generazione di italiani che ci hanno rimandato indietro dall’Erasmus con lo stomaco eroso dal calimocho e 4-5 malattie veneree che neanche conoscevo – né tantomeno c’è continuità con la carrellata di medioprogressisti di Syiriza: io all’Europa non gli chiedo un cazzo. Dov’è l’Europa? Io qua vedo solo provincia. Avete presente che cosa c’è a 5 chilometri dall’Expo Milano? Avete presente che c’è fuori dalle metropoli? Episodi agghiaccianti di cronaca nera, Gesù Cristo che redime gli eroinomani e voglia di emigrazione che imperversa fra i giovani. Giovani che in provincia gli anni ’80 li hanno scoperti negli anni ’90, e che diventeranno hipster fra un paio d’anni, quando a Roma e a Milano li avranno già crocifissi a tutti. Grazie a Dio. C’è Max Pezzali, in provincia.

Il nome del nostro nuovo progetto politico, per come è stato citato dai tromboni delle testate italiane, mancava della corretta punteggiatura, che sta lì a dare il senso alla politica che vogliamo far rifiorire. Il nostro progetto politico si chiama: Possibile? Col punto interrogativo. Possibile che nessuno abbia capito che una sinistra unita non si costruisce senza lotta di classe? Possibile che pensiate ancora di fare fronte comune con i Modena City Ramblers? Possibile? È possibile si, ma dovremo rompere con questa illusione, dovremo smettere di infognarci nella separazione fra lotte civili, lotte sociali e lotte economiche. Ma se dico così già sto lì lì che mi cacciano da Possibile.

p.s. Vendola te l’ho già incartata

Zippo Ciwati
Zippo Ciwati
Una ex figura di spicco del Partito Democratico ha insistito per avere una rubrica su DUDE Mag. Per proteggersi dagli attacchi dei suoi numerosi avversari politici ha deciso di mascherare la sua identità dietro uno pseudonimo: Zippo Ciwati.
Segui Dude Mag, dai!
Dude Mag è un progetto promosso da Dude