Azimuth, la bussola del pensiero.
Sul finire dei suoi primi dieci anni, qui compiamo una piccola rivoluzione, abbandonando il nostro formato classico – quello del magazine culturale a cadenza vagamente quotidiana – per presentare ogni mese un solo saggio e un solo racconto. Da queste pagine 24 autori ogni anno proporranno il loro filtro sul reale, manipolando inevitabilmente la personalità di Dude mag: ed è una cosa che ci rende enormemente curiosi.
2022
01 gennaio
Dude Mag
03 marzo
Alessio Giacometti
05 giugno
Simone Vacatello
07 agosto
TBA
TBA
08 settembre
TBA
TBA
09 ottobre
TBA
TBA
10 novembre
TBA
TBA
11 dicembre
TBA
TBA
12 gennaio
TBA
TBA
×
×
È arrivato il momento di iscriverti
Segui Dude Mag, dai!
3452
https://www.dudemag.it/letteratura/azimuth-la-bussola-del-pensiero/

Azimuth, la bussola del pensiero.

Una giovanissima rivista italiana che si occupa di filosofia. 

 

Azimuth è una delle coordinate del sistema altazimutale, uno dei tradizionali sistemi astronomici, per determinare la posizione di una stella sulla volta celeste, ma è anche il nome di una giovanissima rivista italiana che si occupa di filosofia. Proprio come l’azimut è utile per impostare la rotta, così questo ambizioso progetto può agevolare l’orientamento di chi voglia imbattersi nel sempre più dispersivo e labirintico dibattito filosofico contemporaneo.

La promessa di Azimuth è infatti quella di fornire ad ogni uscita una visione del tema trattato che sia il più possibile completa avvalendosi di competenti e prestigiose firme nazionali e internazionali.

Ogni uscita è monografica, ha cadenza semestrale e, nonostante i cupi tempi che sta passando l’editoria, un po’ per sfida e un po’ per nostalgia, ha preferito non abbandonare il cartaceo.

Il primo numero intitolato The Domain of the Human. Anthropological Frontiers in Modern and Contemporary Thought a cura di Simone Guidi e Antonio Lucci non ha tradito le aspettative: si parte dal tradizionale, ma senz’altro attuale, dibattito uomo/macchina passando per l’antropologia pragmatica kantiana e il darwinismo per approdare, infine, al postumano.

Il secondo numero, Aesthetics and Politics. Perspectives in Contemporary Philosophy curato da Federica Buongiorno (anche editor-in-chief), offre gli strumenti necessari per capire qual è il rapporto tra estetica e politica oggi, quindi le analisi dell’importanza che possono avere i colori usati per le pubblicità delle campagne elettorali fino ai Google glass e Studio Azzurro.

Web site: www.azimuthjournal.com

Riccardo Papacci
È nato nel 1987, è laureato in filosofia e vive a Roma. Ha collaborato con Not, Noisey, L’indiscreto e Il Tascabile. Il suo Elettronica Hi-Tech – Introduzione alla musica del futuro è uscito per Arcana nel 2019.
Segui Dude Mag, dai!
Dude Mag è un progetto promosso da Dude