Il mistero dei 17.000 follower di Walt Whitman
Sul finire dei suoi primi dieci anni, qui compiamo una piccola rivoluzione, abbandonando il nostro formato classico – quello del magazine culturale a cadenza vagamente quotidiana – per presentare ogni mese un solo saggio e un solo racconto. Da queste pagine 24 autori ogni anno proporranno il loro filtro sul reale, manipolando inevitabilmente la personalità di Dude mag: ed è una cosa che ci rende enormemente curiosi.
2022
01 gennaio
Dude Mag
03 marzo
Alessio Giacometti
05 giugno
Simone Vacatello
07 agosto
TBA
TBA
08 settembre
TBA
TBA
09 ottobre
TBA
TBA
10 novembre
TBA
TBA
11 dicembre
TBA
TBA
12 gennaio
TBA
TBA
×
×
È arrivato il momento di iscriverti
Segui Dude Mag, dai!
3830
https://www.dudemag.it/letteratura/il-mistero-dei-17-000-follower-di-walt-whitman/

Il mistero dei 17.000 follower di Walt Whitman

Stavo cercando di attaccare bottone con delle pornostar quando notai una differenza ingiustificata di seguaci tra Edgar Allan Poe e Walt Whitman.

Stavo cercando di attaccare bottone con delle pornostar quando notai una differenza ingiustificata di seguaci tra Edgar Allan Poe e Walt Whitman (ero su Twitter, per la cronaca). Poe sopravvive con 5.000 e spiccioli – parliamo dell’Official Twitter site for the International Edgar Allan Poe Society – mentre Walt viaggia a 17 mila e passa.

Parliamo di @TweetsOfGrass, niente International Society o roba simile, un modesto generatore di citazioni. Il dato mi ha stupito. Whitman è più attivo sul mezzo, ma il triplo dei follower mi sembra spropositato. Tra l’altro è un poeta molto meno presente nell’immaginario pop, al contrario del Poe stra-usato anche in cartoni, fumetti, videogiochi. Whitman dalla sua ha L’attimo fuggente, e sicuramente negli Stati Uniti è un gigante molto più che altrove, ma, ripeto, non puó spostare così tanto. Altra cosa, i follower di Whitman, ve lo confesso, sono molto sospetti. Non voglio dire che a un ragazzino non possa piacere Walt Whitman, accidenti no, ma 10.000 ragazzini fan di un poeta morto nel 1892? C’è qualcosa sotto, quant’è vero che io sono nato prima di internet e loro no.

Tutte queste strane contingenze mi hanno spinto a lasciar perdere le pornostar e a pianificare delle ricerche incrociate, al termine delle quali finalmente ho scoperto la causa di tutto. Ella ha un nome, un cognome e una preposizione in mezzo: Lana Del Rey.

Lana è una cantautrice modella elettro post pop sbrilluccicante simil ‘50 ‘60 contemporanea atteggiata depressuccia. Una specie di pin up di un presente ucronico in cui siamo fermi al ‘57 ma abbiamo tutti i tatuaggi sul collo e le armi a ripetizione. Tipo una Rita Hayworth/Jacqueline Kennedy in un mondo steampunk mezzo porno romantico rallenty in cui stanno continuamente tutti per morire.

Questa è Lana, una super stella del pop americano che posa per Jaguar e H&M e si rifà qualcosa di imprecisato nel viso per assomigliare ulteriormente alle pin up da tatuaggio dei marinai. Nel 2013 se ne esce con Tropico. Un film, o meglio, un mega videoclip di 27 minuti che unisce canzoni e scene oniriche con rallenty e lens flare, John Wayne e criminali tatuati. Il video contiene la canzone Body Electric, preceduta da Lana che con voce roca e sensuale sussurra la poesia di Whitman I Sing the Body Electric contenuta in Leaves of Grass (1855).

All’uscita del video migliaia di giovani fan sono andati su internet (nessuno in realtà va su internet, siamo sempre tutti qui) a cercare questo misterioso Walt Whitman, scoprendo un vecchio col barbone e un mucchio di poemi lunghissimi. Fichi i vecchi col barbone, seguiamolo su Twitter, si sono detti. Risolto il mistero dei diciassettemila. Ma la storia non è finita.

 

Continua a leggere su Bookskywalker.

Bookskywalker
Come Lukeskywalker cerca di sollevare l’astronave dalla palude di un pianeta sconosciuto, Bookskywalker cerca di sollevare la letteratura dalla vischiosa melma che è la vita, in un pianeta sconosciuto che è il nostro. Su www.bookskywalker.it
Segui Dude Mag, dai!
Dude Mag è un progetto promosso da Dude