Letteratura: Qualche suggerimento per il vostro suicidio
×
×
È arrivato il momento di iscriverti
Segui Dude Mag, dai!

Qualche suggerimento per il vostro suicidio

La storia di un ventinovenne che, deluso e depresso, vede nel suicidio ormai l’unica soluzione rimasta.

Vi ricordate quelli di ZERO? Quelli di #coglioneno? Eh, hanno scritto un libro. Forse Cercavi è la storia di un ventinovenne che, deluso e depresso, vede nel suicidio ormai l’unica soluzione rimasta. La notte in cui sta per togliersi la vita, però, sceglie di rinviare di altri dieci giorni la sua morte, per concedersi tutto quello che non si era mai concesso prima. È così che inizierà a vivere proprio il giorno in cui decide di morire. 

Scritto da ZERO (tre autori tra i 26 e i 30 anni: Stefano De Marco, Niccolò Falsetti e Alessandro Grespan), Forse Cercavi parla di una gioventù indecisa, distratta ed incapace di cambiare le cose. È la generazione dei cosiddetti sdraiati raccontata dagli sdraiati stessi, e non dai genitori che li aspettano in piedi nervosi. Per raccontare il protagonista Filippo, gli autori hanno riportato una realtà iper-connessa, frenetica ma anche alienante, cercando di comporre un ritratto realistico ed onesto, senza fronzoli ed eroi. Il loro obiettivo è portare un giorno questo ritratto sul grande schermo, sperando di riadattarlo in un film. 

Per il lancio hanno voluto riflettere sul suicidio, che simbolicamente rappresenta l’unica spinta verso il nuovo per il protagonista. Ispirati ancora una volta dalla realtà che li circonda hanno esagerato grottescamente il modo in cui spesso si parla di suicidio oggi, realizzando la miniserie Ammàzzati, un fantomatico programma tv che parla di morte come si parla di una torta salata, dando in pasto al pubblico il suicidio, e usando informazioni che chiunque potrebbe trovare nei giornali o con una rapidissima ricerca Google.

I video (che verranno pubblicati nella loro pagina facebook www.Facebook.com/facciazero) vogliono provocare una risata tragica e paradossale, come la decisione del protagonista del libro, che inizia ad essere se stesso solo quando ammette che ormai è la fine.

Dude Mag
Dude Mag
DUDE è un manuale di sopravvivenza per gentiluomini e gentildonne, dal momento che ne sono rimasti pochi e vanno salvaguardati. Nel periglio della rete, Dude è l’atlante per orientarsi tra il guazzabuglio della produzione culturale telematica e le piccole zone d’ombra, alla ricerca di preziose gemme, conversazioni, galanterie che troppo spesso si nascondono ai margini delle strade più battute. Dude lavora a una cartografia esclusiva — facendosi lente d’ingrandimento sul dettaglio perduto — racconta i massimi sistemi in formato leggero.
Segui Dude Mag, dai!
Dude Mag è un progetto promosso da Dude