Musica: Godblesscomputers live @ Carhartt Square
×
×
È arrivato il momento di iscriverti
Segui Dude Mag, dai!

Godblesscomputers live @ Carhartt Square

Fall/Winter Collection Launch Party Carhartt Square di vicolo del Cedro, 25 settembre: si è svolto il party di lancio della collezione Fall/Winter 2014 di Carhartt WIP   A curare la selezione musicale nello spazio di Trastevere — già location dei live di Teebs, MoKolours, Kae & Smirney, Modeselektor e tanti altri — Touch The Wood, […]

28 Ott
2014

Fall/Winter Collection Launch Party

Carhartt Square di vicolo del Cedro, 25 settembre: si è svolto il party di lancio della collezione Fall/Winter 2014 di Carhartt WIP

 

A curare la selezione musicale nello spazio di Trastevere — già location dei live di Teebs, MoKolours, Kae & Smirney, Modeselektor e tanti altri — Touch The Wood, Beat Soup, e Lorenzo Nada in arte Godblesscomputers. 

Godblesscomputers

Lorenzo Nada è un collezionista di suoni concreti, li esplora, campiona, smonta e rimonta con suoni di sintesi, per dare vita a un tessuto musicale del tutto originale. 

The Last Swan / Digital / [Autoproduzione] (2011)

Swanism, edito da Fresh Yo!, getta le basi per Lost in Downtown, collezione di rework dei Beastie Boys.

Il primo album in vinile, edito dalla berlinese Equinox, è Freedom is O.K. 

Approccio hip hop, suoni dub e umori soul, attraverso la costruzione di texture organiche e ritmiche impazienti, irregolari. 

Un amalgama che l’ha portato ad esibirsi in tutte le più interessanti location e i più popolari festival di elettronica e dintorni, tra cui ad esempio Club 2 Club e il Robot Festival di Bologna.

Veleno (White Forest / Fresh Yo!) è il suo ultimo viaggio, un percorso personale e sorprendente tra macchine e natura. Un’oscillazione sonora tra due scenari universali, l’analogico e il digitale.

Foto:

Corrado Murlo

GODBLESSCOMPUTERS veste:

eagle starter cap

elvin jones tshirt

crandall shirt

Dude Mag
Dude Mag
DUDE è un manuale di sopravvivenza per gentiluomini e gentildonne, dal momento che ne sono rimasti pochi e vanno salvaguardati. Nel periglio della rete, Dude è l’atlante per orientarsi tra il guazzabuglio della produzione culturale telematica e le piccole zone d’ombra, alla ricerca di preziose gemme, conversazioni, galanterie che troppo spesso si nascondono ai margini delle strade più battute. Dude lavora a una cartografia esclusiva — facendosi lente d’ingrandimento sul dettaglio perduto — racconta i massimi sistemi in formato leggero.
Segui Dude Mag, dai!
Dude Mag è un progetto promosso da Dude