La Posta del Cuore: La posta del Cuore • Castità, catenaccio e ripartenze
×
×
È arrivato il momento di iscriverti
Segui Dude Mag, dai!

La posta del Cuore • Castità, catenaccio e ripartenze

Sono in un impasse; solo tu puoi darmi un consiglio sincero e privo di moralismi.

11 Mag
2014
La Posta del Cuore

Caro Nino, 
sono in un impasse; solo tu puoi darmi un consiglio sincero e privo di moralismi.

Sto frequentando un ragazzo fantastico, con cui mi trovo davvero bene, è simpatico, in gamba, molto premuroso, affidabile, si è creata subito una perfetta sintonia. Però (c’è sempre un però) ha fatto una specie di voto di castità: non è una questione religiosa, è una sua scelta, come parte di un percorso di maggiore presa di consapevolezza di sé, che dovrebbe servirgli a non andarci subito sotto e invece ad arrivare gradualmente alla pienezza della relazione, così da viverla meglio.

Pensavo fosse una scusa per mascherare problemi di erezione, ma direi che funziona tutto bene, quindi ora non so cosa fare. Io, te lo dico sinceramente, vorrei scopare, però dato che lo stimo molto non vorrei boicottarlo e farlo sentire non appoggiato, passando peraltro per una talmente accecata dall’arrapamento da non poter aspettare un minuto. Le mie amiche mi dicono che è una cosa romantica e che io sono insensibile e materiale, tu che ne pensi? 

Maria

Me fa ride che er voto de castità riguardi la penetrazione mentre er resto è condonato. ‘Sto tipo sarà puro ‘n sartimbanco gajardo, sensibbile e pinzillacchere, però a mme mme sa che t’aspetta ‘n lunedì ‘nfernale a imprecà contro Santa Pupa pe tutte le vorte che ha grazziato er tuo lui in tenera età.

Devi stà ‘n campana perché mo incomincia co ‘sta fisima della castità, poi comincia a ditte che è mejo restà a casa sempre da soli, poi te convince che la noia è lla bbase der rapporto e infine comincia co tutta ‘na serie de pippe mentali sull’ossessività der rapporto, la qualità della comunicazione tra vvoi due, la nostargia der primo periodo come se ‘r ventennio fosse ‘na focaccia ancora calla… Inzomma ch’iddio te ne iscampi e llibberi. Ma ppoi io nun capisco perché tocca forzasse a fà lle cose? Si er boccone lo manni pe ttraverso, è sicuro che poi prima o poi er vomitino rispedisce tutto ar mittente! Dovresti convincelo a tranquillizzasse e a giocà più a zzona! Che ppassi er catenaccio, ma ormai a uomo nun ce gioca quasi manco più Mondonico.

Certo pò esse pure che invece, er paraculo, sta a ffà tutta ‘na tattica pe fàatte salì er veleno a tte cosicché, seconno la regola der sempreverde “vince chi fugge”, te c’andrai sotto facile e llui farà er caporione della relazzione.

Comunque, me sento de mettete ‘n guardia e de consijatte de centellinà ciò che te dicheno l’antri. Lassa perde le amiche tue, nun le ascortà mmai, che sò delle cazzare. Ponno esse invidiose e quinni te svìeno apposta dalle ggiuste intrerpretrazzioni, sinnò te fanno parlà solo perché così ponno parlà lloro, nun je ne frega ‘n cazzo de ditte quello che penseno davero perché alla fine l’amicizzia è ‘no status simboll e no ‘na condivisione de cuarcosa, o ancora peggio le pôi coje in fallo ner momento in cui mostrano da essese conformate a li stereotipi di ggenere der Ber Paese, che j’hanno fatto crede che er fac araund è da donne “poco di buono”, mentre che invece nun scopà è ‘mbotto romantico: mejo er pensiero che ‘na scopata. Sì, sì. Nun ascortà manco l’amico tuo caro mórto affettuoso (che tte cconsideri solo un amico, mentre tutte le tue amiche te dicheno che ce stà a provà co tte – unica vorta in cui devi ascortà le amiche tue), ché cuarsiasi cosa te disce va tarata sur fatto che stà a pportà acqua ar suo mulino, dato che in reartà te se vôle scopà.

Vabbè nun continuo ‘sta filippica, c’ho sonno (sò rrimasto chiuso fôri casa come ‘n cojone e ho ddovuto dormì sur pianerottolo, co li vicini che stammatina m’hanno preso pe ‘n bucatino). Nun permetteje de comannà fin da subbito co ‘ste mezze tattiche, o mezze cazzate, o mezze fisime… comunque nun te stà a preoccupà de quello che viè considerato er compito dell’omo: partije in contropiede e de ripartenza mettije ‘na mano dove ppiù t’aggrada. Dije de nun stà a ffà tanto er difficile, er filosofo, che è storia vecchia questa: già er Foscolo faceva finta da esse Car Cobbein solo pe guadagnacce cuei du spicci de sorca in più.

Nino Rucola
Nino Rucola
L'11 Marzo 1985, mentre il compagno Michail Gorbacëv veniva eletto Segretario del CC del PCUS, all'ospedale San Camillo nasce Nino Rucola. Concidenza? Segno del destino? Negli anni della formazione, tutto ciò che c'è da sapere sulla morale degli uomini lo impara sul campo del Testaccio, sui sampietrini di Santa Cecilia e all'oratorio di San Pancrazio, alla faccia di Camus. Dopo gli studi linguistici estorico politici, vara il programma del socializmus s ľudskou tvárou e quello del samoupravljanje. Accusato contingentemente di deviazionismo dalla dottrina ortodossa del socialismo reale, deluso e incompreso, decide di dedicarsi alla musica brutta e a poesia (forma artistica che continua, comunque, imperituramente a detestare), corrispondenza epistolare e lectiones magistrales in vernacolo. Attualmente si guadagna da vivere insegnando francese e calcio alle nuove leve.
Segui Dude Mag, dai!
Dude Mag è un progetto promosso da Dude