La Posta del Cuore: La posta del Cuore • Dialettica d’â gnagnera
×
×
È arrivato il momento di iscriverti
Segui Dude Mag, dai!

La posta del Cuore • Dialettica d’â gnagnera

Cojone patentato.

6 Apr
2014
La Posta del Cuore

Caro Nino, il mio ragazzo è molto geloso e mi fa delle scenate pazzesche riguardo quasi tutte le mie frequentazioni maschili. A me sembra assurdo perché ho sempre avuto amici maschi e non ci sono mai state ambiguità. Ma la cosa che mi sorprende di più è che invece non sospetta nulla di quelli con cui gli ho effettivamente messo le corna e, anzi, nutre nei loro confronti un’immediata e inspiegabile simpatia. Pensi che sia un coglione senza speranza o è la dimostrazione che abbiamo gli stessi gusti e siamo fatti l’uno per l’altra? Grazie.

Albachiara

 

Cojone patentato. Però c’è ‘m però… La cosa che m’ometti è ccome je presenti er pacchetto, perché è probbabbile che sei ‘na grandissima fija de ‘na mignotta che bruscia l’aria e cche ssai bbene come acchittaje er diversivo. Eh sì, perché magari quanno che je presenti l’amico tuo asessuato, ce metti ‘n mezzo mpò de malizzia, du risatine, ‘na smicionata ed ecco che hai cojonato er pisquo tuo, er quale nun capisce che, invesce, chi je svôta er canestrello dar pizzutello e je lo rinpizza de corna è popo quello che, magari, fai finta de nun carcolà. Perché mo nun me stà a ffà la gnorri che fai finta de nun sapé che l’òmini sò rimasti tutti mpò degli smerdacamìcia alla ricerca perpetua de cuer placebo che possa cormà er trauma dello svezzamento. All’omo, le corna, o je l’attacchi su ‘n cerchietto e je le metti in testa, o sinnò vanno a ginocchioni, Tentoni e Maspero a caccia de ‘na Cremonese che nun c’è ppiù.

Quinni si è vvera la tua prima ipotesi, è vvera ppuro la seconda: sete culo e camiscia. Capita spesso che lle stronze stiano coi sallucchioni, i racchi colle fregne, li galletti gajardi colle timorate deddio e così vvia (tanto pe ricità de novo la dialettica servo-padrone de cuer pizzicarolo de Eghel). Questo perché ccosì ognuno riesce a bbearsi der rôlo suo, attivo o passivo che sia, senza dovesse mette troppo in discussione. Ovviamente la stasi, l’impermeabbilità e lle autoconvinzioni sò più comode de ‘n moto perpetuo rivoluzzionario della sfera emotivo/relazzionale: perché rischià de mettese in gioco quanno che se pò lamentà?! Gnagnerà è ‘n’invenzione fantastica che ce viè facile facile! Soprattutto a noi romani, inconsciamente nostargici der nostro retaggio de popolino papalino.

 

Illustrazione di Andrea Chronopoulos.

Nino Rucola
Nino Rucola
L'11 Marzo 1985, mentre il compagno Michail Gorbacëv veniva eletto Segretario del CC del PCUS, all'ospedale San Camillo nasce Nino Rucola. Concidenza? Segno del destino? Negli anni della formazione, tutto ciò che c'è da sapere sulla morale degli uomini lo impara sul campo del Testaccio, sui sampietrini di Santa Cecilia e all'oratorio di San Pancrazio, alla faccia di Camus. Dopo gli studi linguistici estorico politici, vara il programma del socializmus s ľudskou tvárou e quello del samoupravljanje. Accusato contingentemente di deviazionismo dalla dottrina ortodossa del socialismo reale, deluso e incompreso, decide di dedicarsi alla musica brutta e a poesia (forma artistica che continua, comunque, imperituramente a detestare), corrispondenza epistolare e lectiones magistrales in vernacolo. Attualmente si guadagna da vivere insegnando francese e calcio alle nuove leve.
Segui Dude Mag, dai!
Dude Mag è un progetto promosso da Dude