La Posta del Cuore: La posta del Cuore • Er Giano Bifronte della Sorca
×
×
È arrivato il momento di iscriverti
Segui Dude Mag, dai!

La posta del Cuore • Er Giano Bifronte della Sorca

Nino Rucola, esegeta dell’ars amatoria, risponde ogni domenica a voi ninfoman*, scambist*, esibizionist*, fedifragh*, cattocomunist* e non solo.

Nino devo uscire con una ragazza che mi piace molto, ma lei comunica solo per messaggi a quanto pare. Abbiamo rimandato un paio di volte per impegni di entrambi e ora non riesco a ripropormi: avendoci ricamato troppo, mi è presa l’ansia di scriverle le parole sbagliate. Attilio F.M.

Allora chicco, ‘nnanzitutto l’anzia lassala a’o stronzo ch’entra ner cesso dopo de te, sennò fai er patatrac (sia ner caso della ragazza, che der gentil effluvio). Fà ccosì: piazzete de fronte a ‘no specchio eddaje ggiù de trening androgeno ripetènno fino a convincete che ‘nfine nun fai così schifo ar cazzo. Tutto ciò pe ‘n pianocuincquennale de vorte, tipo “Chèndimen”. ‘Na vòrta superata ‘sta magagna, ortre a meritatte ‘n gajardetto, pôi principià a penzà a cche scriveje a ‘sta poraccia.
L’importante, capo, è nun daje troppo er culo, ‘ché lle ggenti sò defleppard: je dai ‘n dito e tte se pijeno tutto er braccio (e, se nun sei Tommi Lì, la batteria nun la pôi sonà cor cazzo). Er trucco de ‘sta robba è cche ddevi da fà llo stronzo, ma senza da esse stronzo. Me pare de capì che ggià tt’ha ddato buca (essì perché nun vengo mica dar monte der sapone, si mme dici “avemo rimannato” vor dì che tt’ha ddato ‘n culo solo lei: come quanno che ricconti la storiella che “ttu cuggino” se mette li stuzzicadenti colle bandierine ner buco der cazzo e penza da esse a Copenaghen). Mo vacce tranquillo, nun inzerbinàtte, ma nun fà nimmanco troppo ‘o splendido pe nun sfigurà der fatto che è llei che t’ha ddato bbuca: devi dosà! Dionisiaco e apollineo, bastone e carota, Montella e Bbatistuta…e ricordete che tranquillo è mmorto ‘nculato.
Le parole, le parole, le parole sò ‘mportanti (disceva cuello)! Quinni se t’â devi tirà e spostà l’appuntamento, gnente “perdona”e gnente “scusa”, ‘ché ‘sti concetti da senzo de córpa penitente cattolico sò ‘m bumerang che manco er gancio ‘n faccia che s’è pijato Ggiletti in versione crocerossina. Se ppopo devi da fà ‘na cosa così, allora dì “me spiace” che lla bbutti ‘mpò ppiù ‘n casciara: crei er dubbio, ‘a confusione, e confusione e dubbio possono dà l’impressione che pôi esse ‘no stronzo, e li stronzi piàsceno sempre. Così ccome a lloro je piasce da stà ner limbo, ‘ché er limbo dà insicurezza, insicurezza è sofferenza, sofferenza poi se scopa. Fidete cojò che cco ‘sti consiji ‘a stendi, potesse morì ttu zzia qu’â pelata colla gamba de legno e l’occhio de vetro.

Illustrazione Andrea Chronopoulos

Nino Rucola
Nino Rucola
L'11 Marzo 1985, mentre il compagno Michail Gorbacëv veniva eletto Segretario del CC del PCUS, all'ospedale San Camillo nasce Nino Rucola. Concidenza? Segno del destino? Negli anni della formazione, tutto ciò che c'è da sapere sulla morale degli uomini lo impara sul campo del Testaccio, sui sampietrini di Santa Cecilia e all'oratorio di San Pancrazio, alla faccia di Camus. Dopo gli studi linguistici estorico politici, vara il programma del socializmus s ľudskou tvárou e quello del samoupravljanje. Accusato contingentemente di deviazionismo dalla dottrina ortodossa del socialismo reale, deluso e incompreso, decide di dedicarsi alla musica brutta e a poesia (forma artistica che continua, comunque, imperituramente a detestare), corrispondenza epistolare e lectiones magistrales in vernacolo. Attualmente si guadagna da vivere insegnando francese e calcio alle nuove leve.
Segui Dude Mag, dai!
Dude Mag è un progetto promosso da Dude