La Posta del Cuore: La posta del Cuore • Nichi Brende direttamente da Videodrom
×
×
È arrivato il momento di iscriverti
Segui Dude Mag, dai!

La posta del Cuore • Nichi Brende direttamente da Videodrom

Nino Rucola, esegeta dell’ars amatoria, risponde ogni domenica a voi ninfoman*, scambist*, esibizionist*, fedifragh*, cattocomunist* e non solo.

Caro Nino, leggo sempre con interesse le risposte pungenti che rifili ai malcapitati di turno. Speravo di rispecchiarmi in una storia simile piuttosto che chiedere direttamente il tuo oracolo. Ho già provato gli I Ching, l’oroscopo di Bob Brezny e Natalia Aspesi. Ma niente. Nessuno ha saputo illuminarmi. E, nel frattempo, le storie affini, sulla posta del cuore, tardavano ad arrivare. Cerco di essere coincisa: esco con un ragazzo fidanzato di cui mi sono innamorata at first sight. Oltre ad essere molto bello, la sua aria da saccente spocchioso vanifica ogni mio tentativo di allontanamento. Lui dice che gli piace passare il tempo con me (oltre a scopare, vediamo film e parliamo molto) e che non mi reputa solo una friend with benefits. Cosí ogni volta che provo a scappare perché capisco che c’è Lei con lui, lui mi prega di restare perché “è un peccato buttare via tutto”. Ma a me non basta: io voglio essere la sua ragazza. Non fraintendere, non voglio essere come la sua ragazza… Una borghesuccia senza personalità, iscritta all’università per sport, che va in giro con Hogan e Louis Vuitton. Io vorrei essere la ragazza che credo lui meriti accanto. Forse l’ho idealizzato… Forse si merita quello che ha. Aiutami a capire. Ti prego non essere troppo pungente. Anche se riconosco di aver bisogno del tuo sano e ruspante realismo. AnimaFragile 86

…E ‘nvece popo a ‘sta bbotta, quanno stavo quasi a nazzicà a ssi fà er signore o ar solito, ‘st’urtima sviolinata m’ha fatto capì che vai pijata a carci ner culo pe fatte arivà le cose in capoccia, come ‘n flipper. Cara la mia Bovarì… Ancora co ‘ste dinamicucce spicciole?! Ancora che se volemo arazzà a smucinà li cazzetti già ipotecati?! Questo t’ô dico io de chi è córpa: de cuello scallapizzette de Froid colla sua fase anale (spada de Damocle che ccià lassato in eredità). Tu padre, nun avennola superata, t’ha ‘nsegnato a rompe l’ova ner pagniere dell’antre, quanno che t’ha cacato ner vasetto tuo pe fà ppijà ‘n coccolone a mmamma. Inortre ‘sta cosa t’ha creato ‘na stitichezza emotiva (e, siconno me, puro su artri piani semantici) che te ‘mpedisce de ambì veramente all’obbiettivo, che ssia esso lo stronzo o cche ssia l’ugnione de li senzi co cquesto. Nun ce vole né Bobbe Breznev, né cuella timorata deddio dell’Aspesi, né tantomeno er libbro de riscette che hai comprato a Piazza Vittorio pe capì che te piace da esse la terza, come ‘a Maggica. ‘Sto rincojonimento, propinatoce da tutta qu’â letteratura anticaja e petrella pe facce crede che tocca soffrì, è ‘na calla, ‘na bucia. ‘St’ancefalitico che te sei raccattata ‘o devi lassà pperde, ché è ‘n fregnacciaro (e tte lo dice uno che nella spocchia ce fà er bidè, ma ha ddeciso d’adopralla popo nei confronti de ’st’antri stronzi colla puzza sott’ar naso). Te ne devi trovà uno spajato, er cazzo t’ô devi da portà da casa! Ar massimo paghi er vino, come li fagottari nell’osterie che comannaveno er peggio rosso abboccatello, mapperò veniveno cor pranzo ar sacco ner fagotto.
Ciai pijato, quanno che dici che l’hai idealizzato. Mo però che te lo devi scollà sò cazzi tua, ché ‘gni vorta che ricicciano ‘ste dinamiche d’amore petrarchesco è ‘n mascello. Essì perché te dde cquesto ppiù cche ‘nnammorata me pari ossessionata e l’ossessione è ‘na piattola da cui è difficile liberasse, arméno quant’â nomea de portazzella che s’era rimediato Masini. Io mo nu’o so si alla fine te libbererai da ‘st’attitudine sadomasochista, che nimmanco Debbi Erri quanno che se brusciava ‘e sise colle cicche; però ‘sta paracentesi in cuarche modo ‘a devi da fà, pello meno pe cquanto riguarda ‘sto pallemosce. Poi si nun je la fai me chiami, dato che te ciai ‘na predilezione pe le magniere forti, così t’abbocco de papagne e t’accoppo.

Illustrazione Andrea Chronopoulos.

Nino Rucola
Nino Rucola
L'11 Marzo 1985, mentre il compagno Michail Gorbacëv veniva eletto Segretario del CC del PCUS, all'ospedale San Camillo nasce Nino Rucola. Concidenza? Segno del destino? Negli anni della formazione, tutto ciò che c'è da sapere sulla morale degli uomini lo impara sul campo del Testaccio, sui sampietrini di Santa Cecilia e all'oratorio di San Pancrazio, alla faccia di Camus. Dopo gli studi linguistici estorico politici, vara il programma del socializmus s ľudskou tvárou e quello del samoupravljanje. Accusato contingentemente di deviazionismo dalla dottrina ortodossa del socialismo reale, deluso e incompreso, decide di dedicarsi alla musica brutta e a poesia (forma artistica che continua, comunque, imperituramente a detestare), corrispondenza epistolare e lectiones magistrales in vernacolo. Attualmente si guadagna da vivere insegnando francese e calcio alle nuove leve.
Segui Dude Mag, dai!
Dude Mag è un progetto promosso da Dude