La Posta del Cuore: La posta del Cuore • Forche Caudine e antri mali
×
×
È arrivato il momento di iscriverti
Segui Dude Mag, dai!

La posta del Cuore • Forche Caudine e antri mali

«Ci divertiamo, ridiamo molto, facciamo dell’ottimo sesso insieme, ogni tanto si litiga ma niente di più….»

Caro Nino, è il momento di prendere coscienza di un Problema che non solo non esiterei a definire dilagante quanto più generazionale. Parto dal principio: ora sto con un ragazzo e non ho particolari problematiche da sottoporre al tuo giudizio spietato e risoluto: ci divertiamo, ridiamo molto, facciamo dell’ottimo sesso insieme, ogni tanto si litiga ma niente di più….insomma sarebbe tutto estremamente perfetto se non fosse che Lui come tanti altri ragazzi con cui sono stata insieme negli anni passati sfuggono con pudore e fermezza ad una pratica che io reputo fondamentale per la salute di un qualsiasi rapporto di coppia: il dito nel culo. Non parlo di una toccata sfuggente altezza orifizio quanto piuttosto di un’intensa attività di “manual labor job” posteriore che inverte qualsiasi regola che vorrebbe che solo l’uomo infilasse prepotentemente le dita nel culo di una donna. Quindi ti chiedo anzitutto perchè si è venuta a creare con gli anni questa diffidenza e poi se secondo te c’è un modo per farlo avvicinare piano piano all’idea che sia pratica fattibile e non solo ma anche fruibile/godibile. Grazie Nino.

Grazia Cohen

 

Nunostante sia ‘n quesito mòrto interessante, nun me trovo d’accordo sur fatto che sia ‘mprobblema generazionale. ‘Sto cruccio che t’attanaja è da ‘na parte senzatissimo, dall’antra è retaggio de ‘na robba innata tua che nun c’entra gnente co Polli Pochet, Ot Uils o Lelli Chelli.

Stai ner paese de Peppone e Don Camillo, nun se pò sperà in una destrezza e ‘n agio diffuso ner praticà schirs sessuali, e ‘r ganzo tuo s’allignea colla maggioranza dell’esemplari della razza sua. L’anzie recondite pe ccui ‘st’ingresso dalla porta de servizzio nun viè accorto co gaudio sò legate, ovviamente, ar rapporto colla propria sessualità: nun fasse smanettà quell’ognion ring che è er buscetto virile vor dì avé paura de fasselo piacé. Paura perché? Ce lo so che ce lo sai. L’omofobbia e l’omosessualità latente sò spesso du facce della stessa medaja; come vedi se ritorna ar probblema de Peppone e Don Camillo, ‘na dicotomia sclerotica li cui confini sò tarmente labbili da facce a tutti ‘mpò bianchi e mpò rossi, mpò Rocco e mpò frosci, mpò Magalli e ‘mpò Costanzo. Detto ciò po’ ppure esse che ‘nvesce ‘st’attrezzo d’omo stà a elude ‘sta situazione pe ccose che nulla hanno a cche ffà co ‘ste facezzie ppisicologgiche: ciai mai pensato che magari ‘sto poraccio s’aritrova ‘na serie de cristal bol (aka emoroidi) o de fiordi (aka ragadi) de sangue appizzati ner retto? Pò esse che giustamente te vergogna, e mo nun sò se ppure a tte te potrebbe fà piacere mette er dito nella marmellata. Si così fossi pôi rischià che cor dito fai da stantuffo pe ‘n vaso de Pandora che s’arivela ‘na Fukuscima demmerda.

Affrontato er probblema de lui, mo pperò affrontamo er probblema de te. Eccerto, perché si speravi de passalla liscia caschi male co Nino. Perché è così necessario a ‘na relazione ‘sto dito ar culo? Er fatto che a letto tocca dà e riceve piacere nun vor dì che l’accordi da sonà devono da esse  li stessi. Pe annà sur banale te direbbi che ciai la più classica invidia der pene, ma er sottoscritto cura ‘sta rubbrica demmerda gratis et amore porci, quinni lassamo ‘ste conclusioni a chi tte spara ‘na parcella da ‘na piotta e fischi. Io penzo che ‘sto sconfinferamento te viè dar tuo esse mezzosangue, anzi triplo sangue. L’anima giudìa e la sua propensione giggionesca te fà aride a li giocarelli e a ‘na maggiore libbertà sessuale rispetto all’anima cattolica che, co cuella condanna de nome che t’aritrovi, nun pò che ridà ar tuo libbertinismo sessuale un’aura de peccaminosa disubbedienza, rendennolo ardentemente desiderabile. In mezzo a ‘sta sintesi in cui sguazzi, se staja infine er tuo esse romana, er rapporto che nnoi urbaroli avemo cor buscio nun è ppiù stato lo stesso dall’epeca delle Forche Caudine, robba che l’undisci settembre pare er tempo delle mele.

Detto ciò er dito ar culo è ‘na bomba in cuarsiasi sua conformazione.

Nino Rucola
Nino Rucola
L'11 Marzo 1985, mentre il compagno Michail Gorbacëv veniva eletto Segretario del CC del PCUS, all'ospedale San Camillo nasce Nino Rucola. Concidenza? Segno del destino? Negli anni della formazione, tutto ciò che c'è da sapere sulla morale degli uomini lo impara sul campo del Testaccio, sui sampietrini di Santa Cecilia e all'oratorio di San Pancrazio, alla faccia di Camus. Dopo gli studi linguistici estorico politici, vara il programma del socializmus s ľudskou tvárou e quello del samoupravljanje. Accusato contingentemente di deviazionismo dalla dottrina ortodossa del socialismo reale, deluso e incompreso, decide di dedicarsi alla musica brutta e a poesia (forma artistica che continua, comunque, imperituramente a detestare), corrispondenza epistolare e lectiones magistrales in vernacolo. Attualmente si guadagna da vivere insegnando francese e calcio alle nuove leve.
Segui Dude Mag, dai!
Dude Mag è un progetto promosso da Dude