La Posta del Cuore: La posta del Cuore • L’amore ar tempo dell’UHT
×
×
È arrivato il momento di iscriverti
Segui Dude Mag, dai!

La posta del Cuore • L’amore ar tempo dell’UHT

Caro Nino, leggo da sempre la tua rubrica, e ogni settimana spero di trovare nelle risposte alle sventure altrui, qualche dritta per il pasticcio di cuore in cui mi trovo io. Nulla finora, così ho deciso di farla finita con la timidezza e di scriverti. Sto uscendo con un ragazzo intelligente, brillante e piuttosto alto, ma non ci vediamo spesso. Dal momento che abbiamo uno stile di vita e impegni completamente diversi, il tempo libero cerchiamo di concedercelo al meglio e devo dire che quando ci riusciamo le cose filano. Fin qui tutto bene, se non fosse che mi sono scoperta completamente infatuata di un altro, non un altro qualsiasi, ma un amico (di entrambi) che sento e vedo ogni giorno, con cui mi diverto da morire e ogni tanto scazzo anche! Stessi interessi, ore al telefono… Insomma siamo una perfetta coppia che non consuma. Lui però non si sbilancia, è molto orgoglioso e io ho paura di fare il primo passo. L’altro giorno eravamo in macchina in silenzio e il maledetto revival alla radio suonava “Kiss me”… Lui non ha fatto nulla e nemmeno io. Così quando è sceso, io sono corsa tra le braccia di quello più alto. Vigliacca o semplicemente stupida? Nunzia.
Perché me chiedete le cose si cciarivate da sole?! Ovvio che sei ‘na cojona e puro ‘na cacasotto. Che probblema c’è a frequentà du tordi? Ciai er pepe ar culo che nne devi sceje subbito uno? Che succede sinnò? Te scade la sorca e tte vengono fôri solo fiji Stive ‘n Oching?! Tutto ’sto mio sciorinà sentenzia, viè dar fatto che mm’hai dato a ccapì che nun sei fidanzata co gnisuno: cor brillante te sce frequenti e cor brillocco c’esci malizziosamente. 
Er primo me pare de capì che è er fidanzato perfetto, t’ô dico papale papale. Si cce stai bbene, ma pperò sete così tanto diversi, vor dì che generarmente pô funzionà: anzi, co ‘n bbôn turnover te sce qualifici puro in Sciènpio Lig (ché in Europa è puro mejo: spazzi larghi, te la ggiochi a vviso aperto, li rigori te li fischieno fascile – mica come da noi). Me fà riflette, sulla tua profondità di valutazzione umana, ‘sta cosa che cce tieni a ripeteme che è ‘m botto arto. Figurete, ar novantesimo, se stai sotto de ‘n gò, la bbutti in mezzo e cce penza lui, però poi er resto der tempo, che tte tocca giocà palla a tera, che cazzo ce fai? E mo nun famme spiegà la metafora carcistica.
Er siconno invece me sembra la ppiù classica de l’infatuazzioni incestuose solipsistiche. Siccome che nun sei ermafrodita e nun c’è modo arcuno ar che tte tte possa trivellà dda sola, te sei cercata la scannerizzazzione der grugno tuo pe potette amà, senza sentitte accusata d’esse afflitta dar complesso de Ddio. Certo si mme dici che co “Chis mi” te sfarfalla ‘a panza, manco vojo immagginà ‘sti interessi che cciai ‘n comune co ‘sto bbeduino… I pattini a rrotelle? Er revival de “Indovina chi” de cuer pelato coll’alopecia de Bill? La letteratura minimalista americana? Sì. Lei. Proprio Lei. Cazzo. 
Mo nun me va de rompete li cojoni a ditte quanto è ‘na cacata ‘sta cosa de escì co uno che è la copia de te. Perché poi si ccominici a ppisicanlizzà prima te, poi l’amico tuo, poi tu padre e tu madre (eterni déicidi giudii pella scienza de zzio Siggismondo) e ‘nfine quello scardabbagno sbusciocofana della vicina coatta che nun te saluta mai, va a finì che mme diventi lo stereotipo der cacone snob che, a ffuria de magnà omoggeneizzati de curtura da salotto uichipedia, se trascina in un’esistenza fatta d’orpelli, de ciance, de cazzetti mosci e de pareti vagginali foderate de compensato. Quinni fatte meno pippe mentali e divertite finché sciai da divertitte. Poi quanno che senti lo schiccherone che tte sbobbina er core, sceji la bbusta coll’argenteria e er tivvùcolor che er sor Magalli te propone, ‘ncroscia le dita e spera d’avé lla sorca UHT si nun voi avé ‘n fijo fisico.

Caro Nino, leggo da sempre la tua rubrica, e ogni settimana spero di trovare nelle risposte alle sventure altrui, qualche dritta per il pasticcio di cuore in cui mi trovo io. Nulla finora, così ho deciso di farla finita con la timidezza e di scriverti. Sto uscendo con un ragazzo intelligente, brillante e piuttosto alto, ma non ci vediamo spesso. Dal momento che abbiamo uno stile di vita e impegni completamente diversi, il tempo libero cerchiamo di concedercelo al meglio e devo dire che quando ci riusciamo le cose filano. Fin qui tutto bene, se non fosse che mi sono scoperta completamente infatuata di un altro, non un altro qualsiasi, ma un amico (di entrambi) che sento e vedo ogni giorno, con cui mi diverto da morire e ogni tanto scazzo anche! Stessi interessi, ore al telefono… Insomma siamo una perfetta coppia che non consuma. Lui però non si sbilancia, è molto orgoglioso e io ho paura di fare il primo passo. L’altro giorno eravamo in macchina in silenzio e il maledetto revival alla radio suonava “Kiss me”… Lui non ha fatto nulla e nemmeno io. Così quando è sceso, io sono corsa tra le braccia di quello più alto. Vigliacca o semplicemente stupida? Nunzia.

Perché me chiedete le cose si cciarivate da sole?! Ovvio che sei ‘na cojona e puro ‘na cacasotto. Che probblema c’è a frequentà du tordi? Ciai er pepe ar culo che nne devi sceje subbito uno? Che succede sinnò? Te scade la sorca e tte vengono fôri solo fiji Stive ‘n Oching?! Tutto ’sto mio sciorinà sentenzia, viè dar fatto che mm’hai dato a ccapì che nun sei fidanzata co gnisuno: cor brillante te sce frequenti e cor brillocco c’esci malizziosamente. 

Er primo me pare de capì che è er fidanzato perfetto, t’ô dico papale papale. Si cce stai bbene, ma pperò sete così tanto diversi, vor dì che generarmente pô funzionà: anzi, co ‘n bbôn turnover te sce qualifici puro in Sciènpio Lig (ché in Europa è puro mejo: spazzi larghi, te la ggiochi a vviso aperto, li rigori te li fischieno fascile – mica come da noi). Me fà riflette, sulla tua profondità di valutazzione umana, ‘sta cosa che cce tieni a ripeteme che è ‘m botto arto. Figurete, ar novantesimo, se stai sotto de ‘n gò, la bbutti in mezzo e cce penza lui, però poi er resto der tempo, che tte tocca giocà palla a tera, che cazzo ce fai? E mo nun famme spiegà la metafora carcistica.

Er siconno invece me sembra la ppiù classica de l’infatuazzioni incestuose solipsistiche. Siccome che nun sei ermafrodita e nun c’è modo arcuno ar che tte tte possa trivellà dda sola, te sei cercata la scannerizzazzione der grugno tuo pe potette amà, senza sentitte accusata d’esse afflitta dar complesso de Ddio. Certo si mme dici che co “Chis mi” te sfarfalla ‘a panza, manco vojo immagginà ‘sti interessi che cciai ‘n comune co ‘sto bbeduino… I pattini a rrotelle? Er revival de “Indovina chi” de cuer pelato coll’alopecia de Bill? La letteratura minimalista americana? Sì. Lei. Proprio Lei. Cazzo. 

Mo nun me va de rompete li cojoni a ditte quanto è ‘na cacata ‘sta cosa de escì co uno che è la copia de te. Perché poi si ccominici a ppisicanlizzà prima te, poi l’amico tuo, poi tu padre e tu madre (eterni déicidi giudii pella scienza de zzio Siggismondo) e ‘nfine quello scardabbagno sbusciocofana della vicina coatta che nun te saluta mai, va a finì che mme diventi lo stereotipo der cacone snob che, a ffuria de magnà omoggeneizzati de curtura da salotto uichipedia, se trascina in un’esistenza fatta d’orpelli, de ciance, de cazzetti mosci e de pareti vagginali foderate de compensato. Quinni fatte meno pippe mentali e divertite finché sciai da divertitte. Poi quanno che senti lo schiccherone che tte sbobbina er core, sceji la bbusta coll’argenteria e er tivvùcolor che er sor Magalli te propone, ‘ncroscia le dita e spera d’avé lla sorca UHT si nun voi avé ‘n fijo fisico.

Nino Rucola
Nino Rucola
L'11 Marzo 1985, mentre il compagno Michail Gorbacëv veniva eletto Segretario del CC del PCUS, all'ospedale San Camillo nasce Nino Rucola. Concidenza? Segno del destino? Negli anni della formazione, tutto ciò che c'è da sapere sulla morale degli uomini lo impara sul campo del Testaccio, sui sampietrini di Santa Cecilia e all'oratorio di San Pancrazio, alla faccia di Camus. Dopo gli studi linguistici estorico politici, vara il programma del socializmus s ľudskou tvárou e quello del samoupravljanje. Accusato contingentemente di deviazionismo dalla dottrina ortodossa del socialismo reale, deluso e incompreso, decide di dedicarsi alla musica brutta e a poesia (forma artistica che continua, comunque, imperituramente a detestare), corrispondenza epistolare e lectiones magistrales in vernacolo. Attualmente si guadagna da vivere insegnando francese e calcio alle nuove leve.
Segui Dude Mag, dai!
Dude Mag è un progetto promosso da Dude