La Posta del Cuore: La posta del cuore • La Sociologia der Divano
×
×
È arrivato il momento di iscriverti
Segui Dude Mag, dai!

La posta del cuore • La Sociologia der Divano

Mannaggia Nino ho un problema! Mi ritrovo spesso aizzato dai miei amici a partecipare a delle feste in cui mi assicurano sempre la scopata. Invece picche. Loro scopano mentre io mi ritrovo a fine serata sul divano con il più sfigato della festa ad osservare gli altri all’opera. Il problema è che non riesco a tenere il loro passo in più non so come approcciare con le ragazze, dato che già so che mi considerano uno sfigato e quindi da respingere a priori. Adesso arriva capodanno e la relativa dolentissima festa che avrà l’ennesimo epilogo. Come ne esco?!
Marco L.
Dar tempo de li grechi che c’è ‘na divisione: Eros e Tathanos. Aggiornato a li tempi nostri, se pô sintetizzà dividenno tra chi scopa e chi a 30 anni ancora se misura er cazzo nella speranza de passà da 13,8 centimetri, ar traguardo ppisicologgico de li 14 cm, scuffianno così groliosamente nella media. Così facenno però se ignora sia ‘o sviluppo pervico uerfer steit dalla culla alla tomba, che er funzionamento dell’impianto orgasmico femminile: “mejo largo ch’attappa, che lungo che sciacqua”).
Er tuo probblema c’ha ddu code: la paura de pijà er palo e er còcche fàit. Affrontamo ‘ste fiere pe ordine. Allora, siccome che tte fai parte della seconda categoria, ovvero li geometri fallici, nun pôi sperà de defórt da esse sommerso de patanga. ‘St’anzia de pijà er palo è ‘na sovrastruttura der cazzo derivata dallo stereotipo der maschio arfa chiappe strette e scianche langhe alla Gion Uéin. Er palo è formativo, beota che nun sei antro! Te dà sicurezza, fiducia, esperienza e manna l’anzia pe fratte a coje l’uva. L’antra chimera ch’hai da sfaciolà è er còcche fàit pell’appunto, ovvero la “bbattaja de cazzi”. In quanto complesso de inferiorità ch’attanaja ogni masculo, purtroppo nun pôi uscinne da ‘sto circolo vizzioso. Allora l’unica rimane fà bbôn viso a cattivo gioco e aspettà de capì la strateggia der nemico pe arginallo colle misure adatte: si cquello fà llo splendido devi da fà ll’annoiato, si quello te pija pe er culo devi faje ‘a supercazzola, si quello fà er dotto devi fà llo spocchioso e ccosì vvia. Purtroppo ‘sta cosa la apprendi coll’esercizzio e all’inizzio l’unica cosa che devi tené a mente è “profilo basso ma no remissivo”, sinnò te la piji facile facile ‘ndo nun batte er sole.
Come spesso anche oggi attigno a li granni penzatori pe fatte capì che sei ‘n cojone. C’era ‘na bend de crucchi nell’anni ’50, piognieri de roc ppisichedelico, che se chiamava “Scola de Francoforte”. Er lider (no nner senzo teutonico de “sonate Sturm un Ddrang”, ma nner senzo de “caporione”) era ‘n tizzio, tale Adorno, genio der gruppo ma anche gran roito demmerda. Poi c’era ‘n antro, tale Beniamin, che ‘nvece scopava come ‘n bonobo colle grupis. Anfatti mentre che cuest’urtimo, ner gruppo, mezzo ce stava e mezzo no, er poro Adorno stava sempre piegato su ‘na ssedia a scrive robba, manco fosse er Vittorio Arfieri dei Bicce Bois. Er commilitone, nell’osservà ‘sto poraccio che se ‘ndustriava invano a intenne come giraveno ‘e cose, formalizzò er modello de “Er divano nell’epeca d’â sua riproducibbilità fallica”. Pe falla breve divideva l’omini, er vero sesso debbole (in quanto perennemente dipennente da vulva), in 2 categorie:

L’omo de “l’immaggine dialettica” che incula er tempo, incartannojela a passato e futuro, popo partenno dall’urgenza dell’attualità (sintetizzata nello Ietzetzait – termine crucco che vor dì “ora è er tempo der coito”). ‘Sto prototipo archetitipo idear tipico, se presenta così come obbliquo (riprennenno la dialettica der sor Pòll Valerì da Lutezzia), in quanto pô ripete er sistema de senzazzioni ed eccitazioni quanno e cco cchi vôle. Quinni ieri te se scopa, oggi te sodomizza e domani sorpresona. Ciò ‘a chiama “Reartà Sensibbile a ddomicijio”, ner senzo che viè llui ad appoggiattelo senza che te scomodi.
Quell’antri invece sò cquelli che ancora nun se sò libberati dall’influenza der sostrato socialreligioso de besciamella de cui fruirno li bborghesi nemichi der popolino. Beniamin è quì che ddà er mejo de sé, spieganno come che si nun ce se liberà da ‘sta gabbia concettuale de misurazzione umana bbasata sulla misurazione fallica, nun se riuscirà mmai a trovà argomenti inutilizzabbili dar fascista che te incula la pischella da sott’ar naso. Urge quinni ‘na riformulazione dell’esiggenze rivoluzzionare della tua politica culturale.

Tradotto: devi rimette ‘n discussione tutto l’approccio tuo. Sinnò segui er consijo de Ungaretti, dar componimento suo che tra tutti è sempre er ppiù: “Sparate in culo”.
Illustrazione Andrea Chronopoulos.

Mannaggia Nino ho un problema! Mi ritrovo spesso aizzato dai miei amici a partecipare a delle feste in cui mi assicurano sempre la scopata. Invece picche. Loro scopano mentre io mi ritrovo a fine serata sul divano con il più sfigato della festa ad osservare gli altri all’opera. Il problema è che non riesco a tenere il loro passo in più non so come approcciare con le ragazze, dato che già so che mi considerano uno sfigato e quindi da respingere a priori. Adesso arriva capodanno e la relativa dolentissima festa che avrà l’ennesimo epilogo. Come ne esco?!

Marco L.

Dar tempo de li grechi che c’è ‘na divisione: Eros e Tathanos. Aggiornato a li tempi nostri, se pô sintetizzà dividenno tra chi scopa e chi a 30 anni ancora se misura er cazzo nella speranza de passà da 13,8 centimetri, ar traguardo ppisicologgico de li 14 cm, scuffianno così groliosamente nella media. Così facenno però se ignora sia ‘o sviluppo pervico uerfer steit dalla culla alla tomba, che er funzionamento dell’impianto orgasmico femminile: “mejo largo ch’attappa, che lungo che sciacqua”).

Er tuo probblema c’ha ddu code: la paura de pijà er palo e er còcche fàit. Affrontamo ‘ste fiere pe ordine. Allora, siccome che tte fai parte della seconda categoria, ovvero li geometri fallici, nun pôi sperà de defórt da esse sommerso de patanga. ‘St’anzia de pijà er palo è ‘na sovrastruttura der cazzo derivata dallo stereotipo der maschio arfa chiappe strette e scianche langhe alla Gion Uéin. Er palo è formativo, beota che nun sei antro! Te dà sicurezza, fiducia, esperienza e manna l’anzia pe fratte a coje l’uva. L’antra chimera ch’hai da sfaciolà è er còcche fàit pell’appunto, ovvero la “bbattaja de cazzi”. In quanto complesso de inferiorità ch’attanaja ogni masculo, purtroppo nun pôi uscinne da ‘sto circolo vizzioso. Allora l’unica rimane fà bbôn viso a cattivo gioco e aspettà de capì la strateggia der nemico pe arginallo colle misure adatte: si cquello fà llo splendido devi da fà ll’annoiato, si quello te pija pe er culo devi faje ‘a supercazzola, si quello fà er dotto devi fà llo spocchioso e ccosì vvia. Purtroppo ‘sta cosa la apprendi coll’esercizzio e all’inizzio l’unica cosa che devi tené a mente è “profilo basso ma no remissivo”, sinnò te la piji facile facile ‘ndo nun batte er sole.

Come spesso anche oggi attigno a li granni penzatori pe fatte capì che sei ‘n cojone. C’era ‘na bend de crucchi nell’anni ’50, piognieri de roc ppisichedelico, che se chiamava “Scola de Francoforte”. Er lider (no nner senzo teutonico de “sonate Sturm un Ddrang”, ma nner senzo de “caporione”) era ‘n tizzio, tale Adorno, genio der gruppo ma anche gran roito demmerda. Poi c’era ‘n antro, tale Beniamin, che ‘nvece scopava come ‘n bonobo colle grupis. Anfatti mentre che cuest’urtimo, ner gruppo, mezzo ce stava e mezzo no, er poro Adorno stava sempre piegato su ‘na ssedia a scrive robba, manco fosse er Vittorio Arfieri dei Bicce Bois. Er commilitone, nell’osservà ‘sto poraccio che se ‘ndustriava invano a intenne come giraveno ‘e cose, formalizzò er modello de “Er divano nell’epeca d’â sua riproducibbilità fallica”. Pe falla breve divideva l’omini, er vero sesso debbole (in quanto perennemente dipennente da vulva), in 2 categorie:

  • L’omo de “l’immaggine dialettica” che incula er tempo, incartannojela a passato e futuro, popo partenno dall’urgenza dell’attualità (sintetizzata nello Ietzetzait – termine crucco che vor dì “ora è er tempo der coito”). ‘Sto prototipo archetitipo idear tipico, se presenta così come obbliquo (riprennenno la dialettica der sor Pòll Valerì da Lutezzia), in quanto pô ripete er sistema de senzazzioni ed eccitazioni quanno e cco cchi vôle. Quinni ieri te se scopa, oggi te sodomizza e domani sorpresona. Ciò ‘a chiama “Reartà Sensibbile a ddomicijio”, ner senzo che viè llui ad appoggiattelo senza che te scomodi.
  • Quell’antri invece sò cquelli che ancora nun se sò libberati dall’influenza der sostrato socialreligioso de besciamella de cui fruirno li bborghesi nemichi der popolino. Beniamin è quì che ddà er mejo de sé, spieganno come che si nun ce se liberà da ‘sta gabbia concettuale de misurazzione umana bbasata sulla misurazione fallica, nun se riuscirà mmai a trovà argomenti inutilizzabbili dar fascista che te incula la pischella da sott’ar naso. Urge quinni ‘na riformulazione dell’esiggenze rivoluzzionare della tua politica culturale.

Tradotto: devi rimette ‘n discussione tutto l’approccio tuo. Sinnò segui er consijo de Ungaretti, dar componimento suo che tra tutti è sempre er ppiù: “Sparate in culo”.

Illustrazione Andrea Chronopoulos.

Nino Rucola
Nino Rucola
L'11 Marzo 1985, mentre il compagno Michail Gorbacëv veniva eletto Segretario del CC del PCUS, all'ospedale San Camillo nasce Nino Rucola. Concidenza? Segno del destino? Negli anni della formazione, tutto ciò che c'è da sapere sulla morale degli uomini lo impara sul campo del Testaccio, sui sampietrini di Santa Cecilia e all'oratorio di San Pancrazio, alla faccia di Camus. Dopo gli studi linguistici estorico politici, vara il programma del socializmus s ľudskou tvárou e quello del samoupravljanje. Accusato contingentemente di deviazionismo dalla dottrina ortodossa del socialismo reale, deluso e incompreso, decide di dedicarsi alla musica brutta e a poesia (forma artistica che continua, comunque, imperituramente a detestare), corrispondenza epistolare e lectiones magistrales in vernacolo. Attualmente si guadagna da vivere insegnando francese e calcio alle nuove leve.
Segui Dude Mag, dai!
Dude Mag è un progetto promosso da Dude