La Posta del Cuore: La posta del Cuore • Sperma che ti passa
×
×
È arrivato il momento di iscriverti
Segui Dude Mag, dai!

La posta del Cuore • Sperma che ti passa

Caro Nino, ti leggo sempre e avrei bisogno dei tuoi preziosissimi consigli. Vivo il classico dramma di tutti quei figli che affrontano la propria vita cercando di non ripetere gli errori dei genitori. Ho una storia da ormai sei anni e invece di pensare a figliare il solo pensiero mi mette addosso un’ansia infinita. Ho qualcosa che non va? Miss K Lorina 86
Ecchelallà. ‘N’antra de ‘ste domande in cui dentro ce stanno tante de quelle pippe che pareno scritte da Massimo Facioli pe ‘n firm de Bellocchio. Comunque, ormai è ita quinni me tocca. Allora, te l’ha cchiesto lui de sfrittellà ‘na bella pastella de liquidi ggenitali, pe ppoi fatte squadernà la soreca da ‘n camisce e ‘n ostrica pe riempì de ggioja le vite vostra? Si è ccosì e te cciai l’anzia, beh… sò cazzi amari come la scicoria che ppôi riccoje sur Muro Torto. In tar caso cuarche speranza la pôi ripone ner fatto che magari chicco spara a sarve. Pe nun fatte sgamà, pôi fà ‘n barbatrucco testato da ‘n amico mio profeta, che disce avè scoperto dall’attività orale dell’oracoli della Sibbilla Cumana. Quanno che ‘na vorta che ve infrociate, cerchi de fallo eruttà su ‘na superficie che ddia ‘mpò de contrasto (la panza anfatti nun è popo er massimo). Si noti che è tutta acquetta tipo arbume, mentre che de montato a nneve nun c’è nnulla, allora pô esse che l’omo tuo è come er cannone der Giannicolo; se ‘nvece te fà ‘na slavina e te crea ‘n Vatnajucul (la bbonanima) allora adà comincià a portà le mutanne in lavanneria.
‘Sta robba però me pare troppo semplicistica. Perché ciai l’anzia de sgravà? Io te posso dì che le uniche cose pe cui te pôi ‘ntoppà er gozzo co ‘n magone sò ddue. La prima è cche sete du morti de fame e ancora nun avete realizzato manco ‘n’anticchia de li proggetti che v’appuntavate sulle Smemoranna a scôla; a ‘sto punto ve capisco: sce vônno li mengoti, sce vô er sacrifitio della vita privata, ecc. Ché mmica ‘o pôi fà pe sfizzio er pupo, o ancora peggio faje pagà a pposteriori li fallimenti vostra. L’antra cosa è cche ‘nvesce nun t’aregge de cresce e pasce ‘n fijo in ‘sto monno ‘nfame e colle corna; sei de cuelle issàte a Ghete e Car Cobbein, peccui la vita è nammerda, l’omini sò stronzi, l’amore è sofferenza, mejo frosci che della Lazzie e antre amenità.
Si pperò te stai a ffà probblemi d’antro genere, accanna, lassa perde popo. Ma no er pupo eh! Le paranoie! Ciai paura che cor pupo poi la storia cor secco finisce? Ao se adà finì, adà finì, pupo o non pupo. A tte tte deve interessà solo da essete scérta ‘n omo che è ‘n padre coi controcazzi, ma tanto questo lo sai fin dall’inizzio, se sgama subbito, nun pôi cascà dar monte der sapone, ar massimo è cche ce vôi cascà! L’anzia da esse o mmeno ‘na brava madre invesce è tautologgica: stà a ddì che ggià ssi tte poni la quaestio è mórto probabbile che quanto meno ce la metterai tutta a cresce ‘sto moccioso. E ppure ‘sta cosa che nun vôi ripercore l’orori de cuei disgrazziati che t’hanno messo ar monno, pô esse ascritta a ‘sta tua probbabbile indole materna… Vabbè mo me fermo che me stò a rompe er cazzo io, figuramose a cchi già nun je ne fregava ‘n cazzo… In teoria toccherebbe parlà de ‘sta cosa der confronto imperituro coll’operato dei genitori… Però mo devo annà a fà antro che è ‘na settimana che stò a cacà sangue, manco fossi indisposta.
Illustrazione Andrea Chronopoulos

Caro Nino, ti leggo sempre e avrei bisogno dei tuoi preziosissimi consigli. Vivo il classico dramma di tutti quei figli che affrontano la propria vita cercando di non ripetere gli errori dei genitori. Ho una storia da ormai sei anni e invece di pensare a figliare il solo pensiero mi mette addosso un’ansia infinita. Ho qualcosa che non va? Miss K Lorina 86

Ecchelallà. ‘N’antra de ‘ste domande in cui dentro ce stanno tante de quelle pippe che pareno scritte da Massimo Facioli pe ‘n firm de Bellocchio. Comunque, ormai è ita quinni me tocca. Allora, te l’ha cchiesto lui de sfrittellà ‘na bella pastella de liquidi ggenitali, pe ppoi fatte squadernà la soreca da ‘n camisce e ‘n ostrica pe riempì de ggioja le vite vostra? Si è ccosì e te cciai l’anzia, beh… sò cazzi amari come la scicoria che ppôi riccoje sur Muro Torto. In tar caso cuarche speranza la pôi ripone ner fatto che magari chicco spara a sarve. Pe nun fatte sgamà, pôi fà ‘n barbatrucco testato da ‘n amico mio profeta, che disce avè scoperto dall’attività orale dell’oracoli della Sibbilla Cumana. Quanno che ‘na vorta che ve infrociate, cerchi de fallo eruttà su ‘na superficie che ddia ‘mpò de contrasto (la panza anfatti nun è popo er massimo). Si noti che è tutta acquetta tipo arbume, mentre che de montato a nneve nun c’è nnulla, allora pô esse che l’omo tuo è come er cannone der Giannicolo; se ‘nvece te fà ‘na slavina e te crea ‘n Vatnajucul (la bbonanima) allora adà comincià a portà le mutanne in lavanneria.

‘Sta robba però me pare troppo semplicistica. Perché ciai l’anzia de sgravà? Io te posso dì che le uniche cose pe cui te pôi ‘ntoppà er gozzo co ‘n magone sò ddue. La prima è cche sete du morti de fame e ancora nun avete realizzato manco ‘n’anticchia de li proggetti che v’appuntavate sulle Smemoranna a scôla; a ‘sto punto ve capisco: sce vônno li mengoti, sce vô er sacrifitio della vita privata, ecc. Ché mmica ‘o pôi fà pe sfizzio er pupo, o ancora peggio faje pagà a pposteriori li fallimenti vostra. L’antra cosa è cche ‘nvesce nun t’aregge de cresce e pasce ‘n fijo in ‘sto monno ‘nfame e colle corna; sei de cuelle issàte a Ghete e Car Cobbein, peccui la vita è nammerda, l’omini sò stronzi, l’amore è sofferenza, mejo frosci che della Lazzie e antre amenità.

Si pperò te stai a ffà probblemi d’antro genere, accanna, lassa perde popo. Ma no er pupo eh! Le paranoie! Ciai paura che cor pupo poi la storia cor secco finisce? Ao se adà finì, adà finì, pupo o non pupo. A tte tte deve interessà solo da essete scérta ‘n omo che è ‘n padre coi controcazzi, ma tanto questo lo sai fin dall’inizzio, se sgama subbito, nun pôi cascà dar monte der sapone, ar massimo è cche ce vôi cascà! L’anzia da esse o mmeno ‘na brava madre invesce è tautologgica: stà a ddì che ggià ssi tte poni la quaestio è mórto probabbile che quanto meno ce la metterai tutta a cresce ‘sto moccioso. E ppure ‘sta cosa che nun vôi ripercore l’orori de cuei disgrazziati che t’hanno messo ar monno, pô esse ascritta a ‘sta tua probbabbile indole materna… Vabbè mo me fermo che me stò a rompe er cazzo io, figuramose a cchi già nun je ne fregava ‘n cazzo… In teoria toccherebbe parlà de ‘sta cosa der confronto imperituro coll’operato dei genitori… Però mo devo annà a fà antro che è ‘na settimana che stò a cacà sangue, manco fossi indisposta.

Illustrazione Andrea Chronopoulos

Nino Rucola
Nino Rucola
L'11 Marzo 1985, mentre il compagno Michail Gorbacëv veniva eletto Segretario del CC del PCUS, all'ospedale San Camillo nasce Nino Rucola. Concidenza? Segno del destino? Negli anni della formazione, tutto ciò che c'è da sapere sulla morale degli uomini lo impara sul campo del Testaccio, sui sampietrini di Santa Cecilia e all'oratorio di San Pancrazio, alla faccia di Camus. Dopo gli studi linguistici estorico politici, vara il programma del socializmus s ľudskou tvárou e quello del samoupravljanje. Accusato contingentemente di deviazionismo dalla dottrina ortodossa del socialismo reale, deluso e incompreso, decide di dedicarsi alla musica brutta e a poesia (forma artistica che continua, comunque, imperituramente a detestare), corrispondenza epistolare e lectiones magistrales in vernacolo. Attualmente si guadagna da vivere insegnando francese e calcio alle nuove leve.
Segui Dude Mag, dai!
Dude Mag è un progetto promosso da Dude