La Posta del Cuore: La posta del Cuore • Stafillococktail
×
×
È arrivato il momento di iscriverti
Segui Dude Mag, dai!

La posta del Cuore • Stafillococktail

È tutto perfetto, salvo una cosa che mi mette un po’ d’ansia: a lui non piace il sesso orale.

Caro Nino, la scorsa estate mentre ero al Summer Kino a vedere un film serbo inedito in Italia ho conosciuto un ragazzo. Il suo sguardo mi ha colpita subito e tra noi è esplosa presto una violenta passione e una forte intesa intellettuale. Pensa che dopo una settimana che ci conoscevamo abbiamo comprato i biglietti per andare insieme al Berlin Festival: è stato stupendo! È tutto perfetto, salvo una cosa che mi mette un po’ d’ansia: a lui non piace il sesso orale. O meglio, mi spiego: dice che non vuole che io gli pratichi del sesso orale perché con me è diverso, mi dice che sono speciale e non vuole farmi sentire usata perché è un atto che svilisce e degrada la donna. Quando ci provo lui mi ferma e mi abbraccia, dice che guardarmi negli occhi mentre ascoltiamo i Nouvelle Vague è meglio di qualsiasi fellatio. Io mi sento fortunata ad aver trovato un uomo così ma le mie amiche dicono che non è normale. Cosa ne pensi tu? Carla.

Nun ciai capito ‘n cazzo. Mette alla gogna pratiche sessuali, pe ddi ppiù largamente sdoganate da ‘na pipinara de lustri, è lla cosa ppiù maschilista che ce possa da esse. Te tte credi che llui è er pischelletto speciale, che hai pescato la sorchetta dar mazzo… e invesce te sei appena rimediata ‘n bello stafillococktail. Te sei trovato un nippo der cazzo, represso, uno che je piacesse da scopatte ne li timpani co ‘n criceto pe preservativo, ma che ogni vvorta che ce pensa je se ripropone in mente er gobbone de Andreotti e desiste. Stacce.

‘Sta storiella della degradazione der soffocotto la raccontaveno li bambini ‘mpò criptogay alle medie, io ad esempio. Se faceva perché ciavevamo li brufoli, perché inconsciamente avevamo ggià capito che si avrebbimo mai odorato mpò de pelo de daino, ce sarebbimo riusciti solamente attraverso ‘na circonvenzione d’ancefalitiche. È ‘na questione mercantilista, è ‘n gioco a somma zzero: ciai a disposizioni diesci punti, da distribuì da norde a sudde ner tuo esile corpicino da pubbescente; devi fà ‘na scerta, devi decide su cosa puntà da qui ar resto dei tuoi giorni; tocca decide se puntà sur fisico o sur cervello, si lla natura te lo permette pôi anche decide de fà metà e metà, ma purtroppo nun nascemo mica tutti come Zanetti. La scerta in cuer momento è tutto, e nun te lo dice ‘sto cojone, te lo dice ‘n certo Chircgaard, nun so si mme spiego… Uno che a Hegel j’ha fatto ‘na supercazzola tale che quell’antro ancora ‘stà a cercà er pallone manco fosse Nedved.

‘Sta posizzione da finto anticonformista sur pompino è solo er carcare der retaggio de ‘sta cosa.

Provo a pijalla ancora più alla larga così vedemo se se capimo. Er monno se divide in quattro:

  • Intellettuali.
  • Finti intellettuali.
  • Velleitari.
  • Popolino. 

La regola base de ciò è che nun se riesce a scopà interspecie a lungo termine a mmeno che nun ce sia ‘no zompo de armeno ‘na categoria: l’intellettuali ponno fasse amà dar popolino e dalle velleitarie, ma avranno problemi coi finti intellettuali. I finti intellettuali invesce ponno scopà cor popolino e basta. Se semo capiti? Voi, come me, sete dei finti intellettuali, quinni vivete ‘na vita de poche scerte. ‘Na vita de poche scerte è ‘na vita da frustrati. La frustrazzione poi aumenta perché i finti intellettuali sono più sveji cuer poco che bbasta pe nun esse i cafoni aricchiti che sò i velleitari, ma nun cianno cuella facilità dell’atto creativo che li rennerebbe intellettuali. Se vive in uno stato d’ansia perenne e di inadeguatezza, mentre li velleitari (anche loro in cuarche modo né carne, né pesce, nell’imperituro tentativo de elevasse dalla loro condizione de sine nobilitate) nun se fanno ‘sti crucci e quello che vojono se lo pijano. Pe quanto riguarda l’intellettuali e er popolino ce stanno antre dinamiche che se la comannano, poi magari ne riparlamo…

Quinni è inutile che ariempite de poesia ‘sta vostra relazione, perché er massimo de poesia pe te è che te fa zompà la frangetta da modette ner mardestro tentativo de regalatte ‘n facialone.

Nino Rucola
Nino Rucola
L'11 Marzo 1985, mentre il compagno Michail Gorbacëv veniva eletto Segretario del CC del PCUS, all'ospedale San Camillo nasce Nino Rucola. Concidenza? Segno del destino? Negli anni della formazione, tutto ciò che c'è da sapere sulla morale degli uomini lo impara sul campo del Testaccio, sui sampietrini di Santa Cecilia e all'oratorio di San Pancrazio, alla faccia di Camus. Dopo gli studi linguistici estorico politici, vara il programma del socializmus s ľudskou tvárou e quello del samoupravljanje. Accusato contingentemente di deviazionismo dalla dottrina ortodossa del socialismo reale, deluso e incompreso, decide di dedicarsi alla musica brutta e a poesia (forma artistica che continua, comunque, imperituramente a detestare), corrispondenza epistolare e lectiones magistrales in vernacolo. Attualmente si guadagna da vivere insegnando francese e calcio alle nuove leve.
Segui Dude Mag, dai!
Dude Mag è un progetto promosso da Dude