La Posta del Cuore: La posta del Cuore • Tutto ciò che zio Carletto Marcs avesse voluto sapé sur sesso ma nun ha mai osato chiede
×
×
È arrivato il momento di iscriverti
Segui Dude Mag, dai!

La posta del Cuore • Tutto ciò che zio Carletto Marcs avesse voluto sapé sur sesso ma nun ha mai osato chiede

Sono innamorato perso di una ragazza che si chiama Elisa e credo che il sentimento sia ricambiato. Purtroppo lei è di una classe sociale inferiore alla mia. 

4 Mag
2014
La Posta del Cuore

Ciao Nino, seguo sempre la tua posta del cuore, avrei anche io un problema da risolvere con il tuo aiuto. Sono innamorato perso di una ragazza che si chiama Elisa e credo che il sentimento sia ricambiato. Purtroppo lei è di una classe sociale inferiore alla mia e i miei genitori fanno forte ostruzionismo, infatti lei è di Tor Bella Monaca e io di Prati. I miei vogliono che io frequenti la figlia di alcuni amici di famiglia. Io in realtà sono ancora innamorato di Elisa e me la vorrei sbatte, ma questa situazione mi frena. Che dovrei fare? Dovrei mettere da parte i miei pregiudizi e lei il suo orgoglio? Aiutami Nino aspetto il tuo video con ansia. Te prego.

Luigi

 

Caro Giggi, già abbiamo affrontato ‘sto probblema de gap comunicativo social-relazzionale. Purtroppo la concorenza sfrenata dell’urtima (se spera) metamorfosi virale der capitalismo, ‘a gniu economi, ‘a globalizzazione, cuer commesso viaggiatore de stronzate da salotto de Michele Serra e tante antre cose ancora, stanno avenno er loro riflesso/riflusso evidente anche sulla sfera intima dell’individuo, assurto a sole copernicano de ‘sta nostra attuale società de campioni de zagane. Risurtato? Lotta de classe orgasmica, ovvero er raccorto della semina scamuffa der secondo dopoguera, ch’ha continuato er processo storico de servilismo e arte d’arangiasse tipico dell’Itaglietta da ‘mpò de secoli a ‘sta parte. ‘Sto esse intrinsecamente tutti dei Badojo ce stà a separà imperituramente da ‘na società corettamente promiscua e attenta all’individuo come componente sociale e collettiva. ‘Nzomma, dice la reggìa che c’è convenuto.

Bene, dopo er solito cappello generalista sosciologgico che me contraddistingue te dico come te devi môve. Partenno dar fatto che come ar solito me date sempre l’elementi che cazzo ve pare a voi, proverò a sciorinatte ‘mpò de principi base. ‘Na cosa è innammorasse e ‘na cosa è “me la vorei sbatte”, le cose ponno pure annà de pari passo, ma nella tua situazzione è evidente che l’amplesso ancora nun v’ha uniti, quinni pò esse pure che ner momento de raggiungimento coitale t’accorgi che era tutta ‘na projezzione piccolo borghese, appresa da secoli de rotture de cojoni de letteratura. Quinni nun partì in quarta ed essi ‘mpò ppiù razzionale. Er fatto che tte ssei de Pratidemmerda e llei de Torbella, nun vor dì ‘n cazzo in reartà: ciò che renne difficile la comunicazzione relazzionale sò le sovrastrutture curturali imposte. Sei in grado de superalle? Sì? No? X? Te giochi l’over fôri casa? Sicuramente tu madre e tu padre nun te li inculà manco de striscio, tanto rimanemo tutti adolescenti fino a 40 anni; quinni continua la battaja tua ner focolajo domestico come si Gei Acs (quello veramente adolescenziale, no lla scimmietta che è mo) e li Pancreas annassero ancora de moda. Poi nun ho capito ‘na cosa: quale cazzo sarebbe l’orgojo suo? Er fatto che nun è convinta de scopasse uno che ancora stà a ddà retta a mammina e papino, speranno che je lassino, prima de entrà in andropausa, cuer piedatterr a viale Angelico? Beh, si è ccosì nun se chiama orgojo: se chiama nun esse cojona! Emmica solo perché ‘n cuer cuartiere demmerda ‘ndo abbiti (nun pago de esse la brutta copia de Torino) nun sai mai si preferì fatte ricoprì de guano da cuei cazzo de stormi pratolini in pianta stabile, o ssi osservà gruppetti de camerati (a cchiappe strette e ppetto in fôri) che cce proveno co ‘na sfirza de segretarie mirf impavide ner coprì de leopardo vestiggia de chiappe e tette che ormai se riccojeno cor cucchiaino. No! Nun è cojona anche perché ha capito che sarebbe ‘n autogò alla Escobbar mettese co uno che probbabirmente la condannerà tutte le matine a riceve le telefonate della sôcera, annojata dalla penzione, da li sordi e dalla mancanza der fijo/pupazzo d’â Pleimobbil.

Spero pe tte de esse stato ‘nammerda come ar mio solito, de avé fatto le previsioni più Cassandresche possibili. Nella mijore delle ipotesi, sei comunque ‘n cojone a penzà ancora sur da farzi. Manco ciai ancora scopato co cquesta! Io bboh… Che cazzo te ne deve fregà de ciò che penzeno li sciagurati che t’hanno messo ar monno… A voi v’ha fatto male er fatto che da piccoli mamma ve scappellava er giojellino quanno che ve faceva er bidet, pe ppaura che nun s’aprisse ppiù. Si zzio Carletto fosse sopravvissuto a cuer callarrostaro de Froid, tutti ‘sti probblemi nun ce sarebbero…

P.S. Te l’avrebbi puro fatto er video, ma lo storching delle colleghe mie a llavoro e tutta la gente che m’ha crocifisso dicennome che ero uguale a Gionni Palomba, m’ha fatto desistì. Contro er sistema, contro la Fandango.

Nino Rucola
Nino Rucola
L'11 Marzo 1985, mentre il compagno Michail Gorbacëv veniva eletto Segretario del CC del PCUS, all'ospedale San Camillo nasce Nino Rucola. Concidenza? Segno del destino? Negli anni della formazione, tutto ciò che c'è da sapere sulla morale degli uomini lo impara sul campo del Testaccio, sui sampietrini di Santa Cecilia e all'oratorio di San Pancrazio, alla faccia di Camus. Dopo gli studi linguistici estorico politici, vara il programma del socializmus s ľudskou tvárou e quello del samoupravljanje. Accusato contingentemente di deviazionismo dalla dottrina ortodossa del socialismo reale, deluso e incompreso, decide di dedicarsi alla musica brutta e a poesia (forma artistica che continua, comunque, imperituramente a detestare), corrispondenza epistolare e lectiones magistrales in vernacolo. Attualmente si guadagna da vivere insegnando francese e calcio alle nuove leve.
Segui Dude Mag, dai!
Dude Mag è un progetto promosso da Dude