La Posta del Cuore: La posta del Cuore • Zaitgaist e Gervigno
×
×
È arrivato il momento di iscriverti
Segui Dude Mag, dai!

La posta del Cuore • Zaitgaist e Gervigno

«Sono invecchiato. Mi si è abbassata la vista, l’udito sta sfarfallando, inizio a stare attento a cosa mangio, e mi è capitato di usare il termine “fattura”». 

13 Apr
2014
La Posta del Cuore

Sono Gino, arrivo subito al sodo. Sono invecchiato. Mi si è abbassata la vista, l’udito sta sfarfallando, inizio a stare attento a cosa mangio, e mi è capitato di usare il termine “fattura”. Sono molto preoccupato. Ho solo 27 anni, perché non mi va più di andare a ballare? Ti prego aiutami a capire, la domanda è: il tempo passa e la vita peggiora realmente o è il concetto sociale legato al crescere che sta inibendo il mio stile di vita di un tempo? Mi va o non mi va di andare a ballare?  Non lo capisco più.

Sempre tuo 

Gino

 

Te capisco Lino. Er tempo córe come quella pippa colle cotiche de Gervigno, senza lezziosismi, inciampanno su sé stesso, ma annanno sempre dritto verso er compimento della nostra assurdità esistenziale. ‘Nzomma Gervigno è llo Zaitgaist de li tempi nostri (co ‘bbôna pace pe cuer Cart Cobein ante litteram de Vorfgan Ghete).

Però Dino, me sento de potette sciorinà ‘na regola generale, da bravo sosciologo de fuffa de massa: se hai dubbi su ‘na situazione che prima era ‘na certezza, allora vôr dì ch‘â risposta ggià ce l’hai ma fatichi solo ad ammetterlo, dato che vorebbe da dì abbatte qu’â certezza che te dava tanta sicurezza. È come quanno che tte chiedi se tte piace la mijiore amica tua: prima era tale, ora c’hai la purce nell’orecchi che forse c’è dell’antro…più cce pensi e più vva a ffinì che quarcosa è cambiato e che hai cacato fôri dar vasetto.

Entranno ner vivo der tuo cruccio, caro er mio Mino, me perplime ‘mpò ‘sta cosa der ballà. Si mme l’hai bbuttata in mezzo vôr dì ch’â macarena pe tte è sempre stata sinonimo de ricerca da amplesso e annà a sciecherà le chiappe nun è ‘n metodo de corteggiamento che sceji, anzi, è fforse la cosa ppiù primitiva e ancestrale che ce possa da esse (nun è ‘n caso che chi l’aborra è sempre l’intellettualoide de turno). Si vvai a ballà pe ficca a 18, ce andrai a 28, 38, 48, fino ad annà in tour coll’orchestrina de Raul Casadei. È uno de quei metodi de rimorchio che fanno parte der tuo modus operandi naturale; è ‘m pò come chi rimorchia pe strada o ‘n autobus: è ‘na cosa squallida che nun è cche la fai pe ccaso, la fai perché l’hai sempre fatta e perché è ner tuo istinto, nun te ne pôi stancà. Quinni forse er probblema è cche a tte nun t’è mmai piaciuto annà a ballà. Perché sinnò nun te staresti a fà tutte ‘ste pippe, te riempiresti de viagra, panciere, crescina, amplifon, lenti a contatto usa e getta, long ailand, emmeddìemmeà e passerebbe la paura.

Pino, è er lavoro che fa tutto ciò. Quella fattura che mme nominavi è lla chiave de tutto: nuove responsabbilità, nuovi ritmi e nuovi orari che te fanno vedé le cose da ‘m punto de vista che prima consideravi ‘no sciovinismo delle ggenerazzioni ppiù anziane (co quer fare da «semo stati sempre mejo noi») e cche te dipingevano come ‘n cojonazzo in balia della vurva. Certo, te rimani ‘n cojonazzo, li vecchi che tte rompevano er cazzo rimangono dei pomposi cojonazzi autoriflessivi, però lla maniera de relazionarti coll’altro, evidentemente, pe tte è cambiata. Come pe tutti quelli che a ‘n certo punto se vojono pijà ‘mparo de responsabbilità. Fattene ‘na raggione.

Nino Rucola
Nino Rucola
L'11 Marzo 1985, mentre il compagno Michail Gorbacëv veniva eletto Segretario del CC del PCUS, all'ospedale San Camillo nasce Nino Rucola. Concidenza? Segno del destino? Negli anni della formazione, tutto ciò che c'è da sapere sulla morale degli uomini lo impara sul campo del Testaccio, sui sampietrini di Santa Cecilia e all'oratorio di San Pancrazio, alla faccia di Camus. Dopo gli studi linguistici estorico politici, vara il programma del socializmus s ľudskou tvárou e quello del samoupravljanje. Accusato contingentemente di deviazionismo dalla dottrina ortodossa del socialismo reale, deluso e incompreso, decide di dedicarsi alla musica brutta e a poesia (forma artistica che continua, comunque, imperituramente a detestare), corrispondenza epistolare e lectiones magistrales in vernacolo. Attualmente si guadagna da vivere insegnando francese e calcio alle nuove leve.
Segui Dude Mag, dai!
Dude Mag è un progetto promosso da Dude