La Posta del Cuore: Rasputin : Gandhi = Pol Pot : Davide Mengacci
×
×
È arrivato il momento di iscriverti
Segui Dude Mag, dai!

Rasputin : Gandhi = Pol Pot : Davide Mengacci

Nino sono confuso, non so se mi piace una o meno. Lei è una ragazza piena di velleità e affascinata dall’ostentazione culturale, lo stereotipo della femme fatale.

Nino sono confuso, non so se mi piace una o meno. Lei è una ragazza piena di velleità e affascinata dall’ostentazione culturale, lo stereotipo della femme fatale che cerca la commistione perfetta tra Humphrey Bogart e Rocco Siffredi. Ci siamo frequentati a tratti, poi ci siamo baciati e infine siamo andati a letto. Fintanto che siamo riusciti a mantenere un «regime di vis-à-vis» (per citarla) costante le cose filavano, senza impegno ma con grande afflato. Poi in seguito ci siamo persi di vista per motivi futili, o forse anche inesistenti. Lei è un essere comunicativamente inabile e io di contro odio risultare un accollo, dato che in primis odio esserne vittima. Ora non so se la mia parte razionale è quella che mi spinge a fare un gesto inconsulto per riconquistarla, o se è quella che mi tiene alla larga dall’ennesima disturbata. E poi, Nino, chi devo seguire? Lo spirito cartesiano? O forse quello dionisiaco? Illuminami che non vedo vie d’uscita. Nino R.

I Perpetuini sono un genere di piante spermatofite dicotiledoni appartenenti alla famiglia Romanoff. Ciò ppe dditte che Rasputin je fà ‘n fisting de chénèll a quella mezza sega de Diédonné. Penzi che nun c’entri? Fatte servì. Perpetuà ‘n desiderio spermatico da onanismo clitorideo nei confronti de ‘na timorata deddio usa a scopasse li cuggini (vedi Me dici incesto, te dico Romanoff, Franco Califano, ed. La bbonanima) nun te porta lontano. A una così je dovevi magnà er cervello seguenno l’esempio der Maestro russo de cui sopra. ‘Sti personaggi che se n’approfittano de tutti ‘st’orpelli dell’ordine democratico costituito solo pe fasse li cazzi loro, li devi sodomizzà (così ‘sto barattolo de facioli co ccui uscivi, così Diédonné). Che stai a ffà? Er Gandhi dell’amplesso? Je devi fà mmale! Si nun meni te ppe primo, prima o ppoi t’ariva la sveja! Poi sur lungo periodo ovvio che er darvinismo sociale te darà raggione! Ma perché annà a vince ai rigori, quanno che poi mette in ghiaccio la partita già nella prima frazzione? L’insipiente soccomberà ineluttabbirmente come previsto dar communismo. Eh sì, perché secondo te perché er communismo spaccava er culo a Ccristo? Perché dava da magnà a tutti? Perché te dava ‘na casa, ‘na vita, na famija? No. Er motivo risiede popo nella critica che je viè mossa sovente: er communismo ha ammazzato ppiù de tutti. Si pparti dall’assioma che lla gente è ppe llo ppiù nammerda, viè da sé che ppiù nne ammazzi e mejo è. Quelli che sopravvivono sò i mijori e ‘a finimo llà.

Io nun vorei attaccà er pilotto, però così me la stai a servì su ‘n vassojo d’argento. Allora, a me m’ha ‘mpò scastagnato li cojoni ‘sta cosa che pe esse gajardi tocca ostentà ‘mpò de curtura o cuarche vezzo estroso. Disce uno dei più grandi filosofi dell’anni nostri, tale Mortillaro: «C’è chi è nato per zappare e chi è nato per studiare». Ora, si avrebbimo mannato Filì Ddaverio a mugne le vacche, probbabirmente mo sciavevamo tutti la sarmonella senza sapé che er roccoccò non è ‘na marca de vibbratori, manette e robba de latecs. Si ‘nvesce sce mannavamo Saviano, ciavrebbimo avuto meno camorra nella produzzione delle mozzarelle blu, ma soprattutto meno citazioni a cazzo de cane de Borges. Nun c’è gnente de male a fà l’operaio, a fà l’agricoltore, a fà l’orto, er pizzicagnolo o a lavorà ar monte dei pegni. Mentre ‘nvesce sciavemo davero bisogno de tutta ‘n’antra ggenerazzione de scoreggioni? Che cce famo co tutti ‘sti desainer? Che cce famo co tutti ‘sti scrittori? E de ‘sti musicisti? Reggisti? Fazzio nun v’ha insegnato ‘n cazzo? «Quelli che er carcio» è ‘na bbomba: Idris. Ciò che ha fatto dopo è solo mmerda colata de bbônismo (in omaggio a Matteo Renzi campione de inverno) co l’applausi cor replei a sottolineà quanto sia toccante dì cazzate. Che cosa c’è de così profonno ner batte le mani cor replei? Che c’è de così profonno, da coje tra le righe, in un abbuso de punti, quanno che la punteggiatura cioffre ‘n sacco de possibbilità? Perché a Ffilip Rot nun je casca er cazzo dentro a ‘n tombino pieno de AIZ? Scusa ma mm’hai corpito ner vivo.

Tornanno a nnoi: te piasceno le disturbate, occhei, è ‘na cosa abbastanza comune. Però devi capì che spesso è tutta ‘na granne recita pe fà crede da esse spesciali (e cquesto se ricollega ar discorso delle velleità de cui sopra), quanno poi la profondità intellettiva è quella der Mago Gabriel. Si tte devo dà ‘na risposta te dico che ppe seguì la via der razzoscinio, co cquesta, devi tené le brije te. Si ssei in grado, allora te riggiri ‘sto sacco de patate come te pare. Si nun ssei in grado invece lassa stà. Diffida de chi nun sà comunicà, de una che nun brilla né ppe ggusto, né ppe spirito (come disceva cuer sartimbarco francioso: Giorgio Braciolone – pe intennese, quello ch’ha ariempito de farina er sacco de De André).

Er probblema dunque nun è ssi tte piace o nun te piace, ma ssi ssei in grado de cavarcà ‘sto coacervo de maschilismo e paccotija de bbanalità. Ma poi ao, una che tte dice «reggime de visavì», porca madonna, ma nun ciarivi da solo che ccià bbisogno de ‘n khmer rosso che je riduca la vurva in una Camboggia?

Illustrazione Andrea Chronopoulos

 

Nino Rucola
Nino Rucola
L'11 Marzo 1985, mentre il compagno Michail Gorbacëv veniva eletto Segretario del CC del PCUS, all'ospedale San Camillo nasce Nino Rucola. Concidenza? Segno del destino? Negli anni della formazione, tutto ciò che c'è da sapere sulla morale degli uomini lo impara sul campo del Testaccio, sui sampietrini di Santa Cecilia e all'oratorio di San Pancrazio, alla faccia di Camus. Dopo gli studi linguistici estorico politici, vara il programma del socializmus s ľudskou tvárou e quello del samoupravljanje. Accusato contingentemente di deviazionismo dalla dottrina ortodossa del socialismo reale, deluso e incompreso, decide di dedicarsi alla musica brutta e a poesia (forma artistica che continua, comunque, imperituramente a detestare), corrispondenza epistolare e lectiones magistrales in vernacolo. Attualmente si guadagna da vivere insegnando francese e calcio alle nuove leve.
Segui Dude Mag, dai!
Dude Mag è un progetto promosso da Dude