Letteratura: Da Fifty Shades of Grey a James Bond: la moralità dei personaggi letterari nel giorno del World Book Day
×
×
È arrivato il momento di iscriverti
Segui Dude Mag, dai!

Da Fifty Shades of Grey a James Bond: la moralità dei personaggi letterari nel giorno del World Book Day

Un bambino di una scuola di Manchester si è presentato vestito da Christian Grey.

Nel Regno Unito sono così fieri delle proprie tradizioni che piuttosto che ammettere di aver importato il concetto di carnevale, preferiscono fondare una giornata mondiale di qualcosa. A patto che preveda travestimenti di sorta. Questo ha funzionato molto bene con il World Book Day, una festività il cui nome aspira ad andare ben oltre l’isola di Man e che tuttavia, stando agli ultimi episodi di cronaca, si è rivelata essere una manifestazione profondamente inglese.

A partire dall’humor.

I fatti: la giornata mondiale del libro prevede una serie di iniziative indette da librerie o associazioni culturali, che spaziano da giochi a incontri con autori o workshop di scrittura creativa per più piccoli. Le attività possono variare, ma la costante resta una, l’occasione per ciascun piccolo lettore di trasformarsi una volta all’anno nel loro personaggio preferito. Dal più inflazionato Harry Potter ai vampiri di Twilight si passa a elaborati costumi da topo/Geronimo Stilton fino agli intramontabili classici come Sherlock Holmes o Long John Silver. Le scuole primarie sospendono le attività curriculari in nome di sfilate e gare in cui si finisce sempre col decretare la vittoria del costume più bello, montagne di libri ovviamente come premio finale. Fin qui si tratta ancora di una passeggiata nel mondo meraviglioso della narrativa e delle fiabe, dell’intrattenimento ingenuo, del gioco.

Quello che è accaduto nell’ultima edizione del World Book Day ha mandato in tilt il mondo degli adulti che vedono i piccoli lettori come fruitori passivi del sistema delle narrazioni. Un errore di Matrix. Una falla nel sistema.

B_WT_4VWEAAsOQe

Un bambino undicenne di una scuola di Manchester si è presentato vestito da Christian Grey, protagonista maschile della discussa trilogia Fifty Shades of Grey, ultimamente tornata trend topic per via del film appena uscito nelle sale. Il ragazzino ha fatto scalpore tra le maestre, che – stando alle loro dichiarazioni – pur non avendo visto il film né letto il libro, hanno considerato del tutto inappropriata la scelta del travestimento: un abito maschile corredato da accessori bondage quali lacci e maschera scura.

Chiamata in causa, anche la madre del bambino ha assicurato che nella loro famiglia questo tipo di letteratura non è mai circolata, ma l’iniziativa del bambino, totalmente spontanea e consapevole, avrebbe dovuto essere letta come semplice gesto ironico e provocatorio piuttosto che come esaltazione del personaggio in sé. Personaggio che oltretutto è impossibile non conoscere, dal momento che tutti i media, senza alcuna distinzione di fasce orarie, bombardano la popolazione con informazioni non richieste riguardo film, libri e curiosità sul mondo BDSM. Che differenza c’è, ha continuato l’adirata genitrice, tra un costume da Christian Grey e quello da sanguinario assassino protagonista dei libri e della famosa serie tv Dexter, interpretato da una delle maestre?

Niente paura, comunque: il bambino è stato integrato nelle divertenti e formative attività della giornata mondiale del libro. Per essere riammesso, ha dovuto semplicemente gettare lacci e frustino, imbracciare una pistola e dire a tutti di essere James Bond.

Al di là della questione di cosa sia peggio, cosa più inappropriato a un bambino, cosa più o meno morale, il vero problema sta nell’aver assunto la figura di Christian Grey nel grande pantheon degli eroi letterari. Fosse stato questo il criterio per escludere tale personaggio da una foto di gruppo, senza dubbio molte meno persone avrebbero osato controbattere.

Olga Campofreda
Olga Campofreda
Olga Campofreda è nata a Caserta nel1987. Giornalista pubblicista, ha scritto per il quotidiano Il Mattino, occupandosi di cultura e spettacoli. È laureata in lettere moderne e collabora con diverse testate e web magazine (il manifesto, Freakout, Collater.al, Dude Magazine). L’ultimo libro pubblicato è Caffè Trieste (Giulio Perrone Editore, 2011), un reportage sulla poesia di San Francisco con un’intervista inedita a Lawrence Ferlinghetti.
Segui Dude Mag, dai!
Dude Mag è un progetto promosso da Dude