Il secondo esordio di Lena Dunham
Sul finire dei suoi primi dieci anni, qui compiamo una piccola rivoluzione, abbandonando il nostro formato classico – quello del magazine culturale a cadenza vagamente quotidiana – per presentare ogni mese un solo saggio e un solo racconto. Da queste pagine 24 autori ogni anno proporranno il loro filtro sul reale, manipolando inevitabilmente la personalità di Dude mag: ed è una cosa che ci rende enormemente curiosi.
2022
01 gennaio
Dude Mag
03 marzo
Alessio Giacometti
05 giugno
Simone Vacatello
07 novembre
Marco Montanaro e Gilles Nicoli
09 gennaio
TBA
TBA
10 febbraio
TBA
TBA
11 marzo
TBA
TBA
12 aprile
TBA
TBA
×
×
È arrivato il momento di iscriverti
Segui Dude Mag, dai!
6502
https://www.dudemag.it/letteratura/il-secondo-esordio-di-lena-dunham/

Il secondo esordio di Lena Dunham

Esce domani Not That Kind of Girl, esordio letterario di Lena Dunham, 28 anni, regista, attrice e sceneggiatrice.

 

Ecco, poi un’altra cosa dei tempi che cambiano è questo fatto che oramai è il libro che segue il film o la serie tv. Non viceversa. Se nel Mondo-Prima i film erano tratti da o liberamente ispirati al celebre romanzo di, nel Mondo-Dopo (dopo l’Encarta, dopo Napster, dopo c6 e via crescendo in velocità) a serie tv di successo corrisponde senza dubbio opera cartacea ben venduta. Penso a tutto il collaterale materiale del post Harry Potter o agli spin-off sottoforma di diario segreto dei personaggi dei Cesaroni. Penso al libro sui viaggi nel tempo diffuso in rete dopo il lancio del film Donnie Darko. Penso al prossimo 30 settembre, il giorno dell’esordio letterario di Lena Dunham, 28 anni, regista, attrice e sceneggiatrice di tre (quasi quattro) stagioni di Girls, indie-serie rivelazione degli ultimi anni targata HBO.

Not That Kind of Girl esce per Randomhouse negli Stati Uniti e in Inghilterra il prossimo 30 settembre. Si tratta della raccolta di saggi a cui spesso il personaggio Hannah Horvath (che interpreta Lena Dunham, che interpreta Hannah Horv…) fa riferimento nella serie tv. Dove comincia la realtà e dove la fiction? Dove si tratta di marketing, dove di ispirazione? Per abbattere la muraglia di diffidenza che è stata allestita per accogliere questa seconda opera prima in ambito letterario, la Dunham non ha voluto il solito book tour di reading e presentazioni in libreria, ma ha ben pensato di allestire vere e proprie conferenze con guest star del calibro di Zadie Smith e Mary Karr seguite da lezioni di scrittura creativa volte a divulgare l’idea che ogni donna che scrive è portavoce di un atto politico.

Nella serie tv la Dunham interpreta Hannah Horvath che interpreta Lena Dunham in un mix combinato dall’ottanta percento di autobiografismo e un restante venti di nudità. Uno degli aspetti che hanno infatti reso celebre la reginetta dell’opera indie newyorkese è stato il modo insistente e disinibito con cui si è ostinata a mostrare il proprio corpo sullo schermo. Un atteggiamento politicamente impegnato, a suo dire, in quella che da molti è stata definita ‘quarta ondata di femminismo’: valorizzare la donna in quanto donna e non in quanto corpo; ma anche: la sensualità è qualcosa che si trasmette a partire dalla sicurezza in se stesse. Nuovi comandamenti per tante ragazze della generazione 2.0, un mucchio di idiozie per altrettante persone che hanno visto le immagini della stessa artista ritoccate e rifinite sulle copertine dei giornali di moda. Mai come in questo caso mettersi a nudo ha attirato tale valanga di opinioni contrastanti.

È stato detto di lei anche che il suo successo sia stato facilitato dalla famiglia di artisti facoltosi e ben piazzati dalla quale proviene (madre fotografa, padre pittore, tutti e due tanto amici del produttore HBO Judd Apatow). Nessuno può metterlo in dubbio. Il problema con un’artista come Lena Dunham, tuttavia, è che per quanto si cerchi di demolirla a oltranza alla fine non c’è nessun attacco che tenga. È vero, è stata photoshoppata su Vogue (ma se ne legga il contesto!), è vero, è figlia d’arte e ha avuto un po’ di porte spalancate (e allora?) ma ha indiscutibile talento. Del maledetto talento che risponde da solo a tutte le obiezioni che le vengono mosse, principalmente dalla fascia più conservatrice della critica. Ciò significa che Lena Dunham è, in un certo senso, l’avanguardia.

Olga Campofreda
Vive a Londra, dove ha conseguito un PhD in Italian studies (UCL). Come ricercatrice si occupa di rappresentazione della giovinezza e romanzo di formazione, controcultura e culture giovanili. È autrice della monografia “Dalla Generazione all'Individuo: giovinezza, identità, impegno nell'opera di Pier Vittorio Tondelli” (Mimesis, 2020) e del reportage narrativo “A San Francisco con Lawrence Ferlinghetti. Viaggio oltre la Beat Generation” (Giulio Perrone Editore 2019). I suoi articoli sono apparsi su Doppiozero, minima&moralia, Ultimo Uomo, Zarina newsletter, La Balena Bianca, Dude Mag. Collabora con il Festival of Italian Literature in London (FILL). Lavora per la nazionale di scherma della Gran Bretagna.
Segui Dude Mag, dai!
Dude Mag è un progetto promosso da Dude