R. XIII – Trastevere, storie al di là del fiume: De Roma e d’antri demoni
×
×
È arrivato il momento di iscriverti
Segui Dude Mag, dai!

De Roma e d’antri demoni

Le storie di un orbo, una garibaldina, un bullo e un partigiano esistenzialista si intrecciano alla storia d’Italia e a quella di Trastevere.

Le storie di un orbo, una garibaldina, un bullo e un partigiano esistenzialista si intrecciano alla storia d’Italia e a quella di Trastevere.

De_Roma_antri_demoni_ninorucola_ Andrea_Chronopoulos_studiopilar 

 

Repubblica romana

Donne e bbulli, la lama e ll’ostaria

che ccortesia ‘nciuccà mme fa llercio.

Fijo de mignotta, mi madre Maria,

furno l’antri a chiamamme “Checco er Guercio”.

Sò de Trestevere la mejo spia,

sò er peggio ‘nfame, de Davide er sercio.

Sempre sfottuto, ‘st’orbo che è in quistione,

tiè che ricàmmia li capirione.

E ffu ccosì che er giorno che er Mazzini

vorse uprì er Papa Re come ‘na cozza,

ecchime a vénne llà li sampietrini,

pronto a ssalì pur’io su la carozza

der vincitore: li garibbardini.

Essì perché mo Roma nun abbozza!

In tutt’Europa ce sta ‘na caciara

che lassa i prepotenti a bbocca amara!

S’era d’Aprile. Già er vortagabbana

der santo Padre se l’era svignata

a’a chetichella co ccorte e sottana.

C’è lla Repubblica… coll’inculata!

Crucchi, Borboni e Francia, la Romana,

Ribbelle a Iddio, la vonno asfartata.

Dice a Cavalleggeri a tutti questi

je n’hanno date che n’ce crederesti!

Gne dissi d’esse orbo e ‘r sottoscritto

fu messo de vedetta. Vidi rosso

e ‘mpo’ blu (cosa strana) tutto dritto.

Pensai che d’era nostro. Disse:  «Posso?»

«Sì!». Sò ‘no stronzo. ‘Sto Francioso, zitto,

ho fatto entrà: mo Roma torna fosso.

Ieri è ieri, domani è oggi. Torno

a beve, svengo e nun me spizzo intorno.

 

 

Presa di Roma

Me possino ammaì! Ch’era ‘no sturbo?

Chissà ssi a bbeve così ancor me movo

quanno er seme de lotta se fa burbo.

Vonno ‘ste lacrime crude che piovo

lavà lla sbronza de Bacco disturbo,

p’esse er concime de ‘n popolo novo,

vonno che Anita nun schiatti pe gnente:

cor papalino nun sarò clemente.

Strillo senza pietà der Generale

che vorse libbera l’Urbe da Cristo.

Rempie ‘sto seno e ‘sta mano er pugnale

ch’è redenzione dar Padre. Mefisto

‘r pontefice, d’abbietta sì morale,

invano s’arma de Ggiuda e d’Eggisto:

er Cielo in arto resta e nun l’ajuta.

Sò ddonna e llama, sò oracolo muta.

Ecco tiè er giorno in cui ha dà ‘vverasse

ciò che er Profeta disse: Roma o morte!

Pìja ‘sta Porta che faccia poi asse

cor Papa: stesso nome stessa sorte!

Pe lle canaje viè er tempo de dasse:

via cardinali, la curia e lla corte!

Mo pe n’annà dalla tiella alla brace,

tocca accoppà ‘sto Re troppo vorace.

«Oste su vèrsa! Te paro che mordo?!

Nun ciai padroni mo!». «Beh, me’ cojoni!

Lui co noantri era scieco e ppoi sordo!

A ffà li sudditi nun s’è mmai proni…»

«Nun me te ‘nculo, sei solo ‘n balordo».

Arzo inzù er gommito e ggiù de sorzoni!

Tiè ‘n antro sturbo! No… Me sa ch’è ll’ora!

Fijo de ‘na zoccola… Alla traditora!

 

Er bullo

Essì ch’ho vvisto ‘mpo’ de tutto drento

‘sto buscigattolo: sò bujaccaro

da ‘n’ascennènza ch’ormai ne fa ccento!

Figurete, se serve pe ddanaro,

meno politica e mmejo me sento,

ma ‘sta camicia nera è dda corsaro!

Mica è ccosì che se punge e se pista,

ciai d’avé ‘n codice p’esse ‘n teppista.

Arcol e ggiovani chiedon favori

sò er loro principe ch’appara i conti.

Ali de pollo ch’ammantan valori

pìjeno in ggiro Trestevere e Monti,

a facce porge a ‘n pelato l’onori.

De novo vénnico tutti l’affronti

cor mio costume d’antico bulletto

ar più spavardo je fò ‘n buco in petto!

‘N giorno s’affaccia, pe chiede, ‘n poraccio:

«Quanto vòi pe stènne ‘n camerata?»

«Nun è ppe ssordi che ffò cciò che ffaccio!»

«Lui salutò, lla mano nun l’ho arzata,

poi me crocchiò co ‘n sapone e ‘no straccio…»

«Portalo qui: je famo ‘na frittata,

l’avvelenamo mescianno li vini

come mi nonno coi garibardini!».

Ecco, se siede! J’allungo er vinello

de sbiego, così tribbola er codardo.

«Giuda! Manni mi madre e mme ar Cancello!»

«Ma de che parli?» «Sò er fìjo bastardo

della suicida amante der tuo uscello!»

Mentre che schiuma me spanza ner lardo.

Mo chi cce sale lassù dar Padrone,

‘n padre demmerda o su’ fìjo cojone?

 

 

L’esistenzialista

Segni de cavallette a vagonate

che ‘sto periodo ha lassato in ddote.

Stateve attenti a cche nun ve scordate

e Gguerra e Storia che ssò iscariote.

La Fede e er Credo se sò ‘nfrascicate

de sangue fatuo pe chiacchiere vòte.       

Feci pe Gramsci ‘n grand’atto d’amore

annai a sparà a ‘gni fascio traditore!

Mentre la grolia dell’Armata Rossa

‘nnava a travorge ‘n’Europa meschina

‘n omo novo cresceva drent’a ‘st’ossa!

Ortre alla Russia s’ergeva la Cina

cormànno er simbolo della Riscossa,

ar mio rientro qui in tera latina.

Fori dar Tevere torno tra vvoi,

predico ‘n monno operaio d’eroi.

Ma qui s’è a Rroma, puttana d’Itaglia,

cuanno cuarcuno minaccia er padrone

lo fanno mulo castrato che raja.

Ecchime esimio docente a lezzione,

mórto più candida è mo lla bbattaja

a ‘nsegnà ai pupi la rivoluzzione…

L’omo da solo è ‘n malanno kafkiano

è er socialismo che lo rènne umano.

Ma mo ch’ormai amio abdicate le armi

la libbertà è panacea pelle ggenti:

spegne l’ardore ‘sta droga pe carmi

léggi, sòrdi, nazione, ecco! Contenti?

Urbe mia cara, celata in ‘sti marmi,

lìbrate in volo, esorcizza i tormenti.

La rivòrta va ssempre cortivata

prima in capoccia pe ppoi esse armata!

 

Illustrazioni di Andrea Chronopoulos (Studio Pilar).

 

Questo brano è tratto da “R. XIII – Trastevere, storie al di là del fiume”, la nostra monografia cartacea dedicata al tredicesimo rione di Roma. Scopri dove trovare la tua copia.

Nino Rucola
Nino Rucola
L'11 Marzo 1985, mentre il compagno Michail Gorbacëv veniva eletto Segretario del CC del PCUS, all'ospedale San Camillo nasce Nino Rucola. Concidenza? Segno del destino? Negli anni della formazione, tutto ciò che c'è da sapere sulla morale degli uomini lo impara sul campo del Testaccio, sui sampietrini di Santa Cecilia e all'oratorio di San Pancrazio, alla faccia di Camus. Dopo gli studi linguistici estorico politici, vara il programma del socializmus s ľudskou tvárou e quello del samoupravljanje. Accusato contingentemente di deviazionismo dalla dottrina ortodossa del socialismo reale, deluso e incompreso, decide di dedicarsi alla musica brutta e a poesia (forma artistica che continua, comunque, imperituramente a detestare), corrispondenza epistolare e lectiones magistrales in vernacolo. Attualmente si guadagna da vivere insegnando francese e calcio alle nuove leve.
Segui Dude Mag, dai!
Dude Mag è un progetto promosso da Dude