×
×
È arrivato il momento di iscriverti
Segui Dude Mag, dai!
La Posta del Cuore
26 Gennaio 2014

La posta del Cuore • La vita è d’â Lazzio

Caro Nino, è giunto anche per me il momento della posta del cuore. Da troppo tempo ormai questa situazione mi sta logorando, anche se, a dirla tutta, a tratti mi diverte. Ti pongo subito il quesito principale: possono piacermi due persone contemporaneamente? E di conseguenza… posso stare con entrambe? Sono fidanzata da due anni con un ragazzo, con un’interruzione di 6 mesi in cui lui mi aveva lasciata per i soliti, stessi, identici motivi che ogni ragazza si è sentita dire almeno una volta nella vita: «non me la sento di continuare una storia così seria, mi piaci ma forse non provo gli stessi tuoi sentimenti, etc…». Dopo un mese di lutto a suon di pianti e poca fame mi sono ripresa, la mia vita giusta giustissima a colpi di sesso e discoteche è tornata ad essere quella di sempre, e proprio in una delle mie serate ho conosciuto un tale, molto affascinante, di questi bellocci un po’ introspettivi, laureato, con un lavoro serio di giorno e viveur come me durante la notte. Per farla breve la relazione con lui va avanti da 8 mesi ma si limita a dell’ottimo sesso occasionale di fine serata alle 6 del mattino, alle solite whatzappate infrasettimanali piene di insulti alla vecchia maniera chi disprezza compra e a delle rarissime uscite a due, prive di qualsivoglia gesto intimo, ma cariche di discorsi di ogni genere anche molto personali. Nel frattempo dopo il famoso mese di lutto, il ragazzo n°1, come da manuale, torna all’attacco, più convinto di prima, disposto a tutto pur di riavermi. A me non sembrava vero, ma l’ho fatto attendere nella speranza di essere sicura dei suoi sentimenti e che il suo ritorno fosse reale. Il problema è che la situazione si è ribaltata, una volta sicura della sua consapevolezza e del suo amore, sono tornata con lui, ma non ho interrotto la relazione col ragazzo n°2. Non ho nessuna intenzione di lasciare il ragazzo n°1, ma non riesco a fare a meno del ragazzo n°2. Mi piacciono entrambi, questa è l’unica verità a cui riesco ad aggrapparmi. Il primo mi piace perché è un bravo ragazzo, non mi tradirebbe mai, è genuino, buono e bello, diciamo però che non ha grandi aspirazioni, né una gran cultura; il secondo mi piace perché è intrigante sia come modo di vivere che caratterialmente, ha un pisello gigante (eh… sì, le dimensioni contano), sa parlare italiano, si adatta ad ogni situazione sia caciarona che formale, fondamentalmente mi scopa senza troppi fronzoli, ma allo stesso tempo, questi suoi aspetti sono gli stessi che mi spaventano. In sostanza il primo lo controllo io, il secondo no. Ovviamente, nessuno sa dell’esistenza dell’altro, io riesco a gestire bene la situazione, non mi sento minimamente in colpa, ma capisco che non può continuare così. Sii spregiudicato come al tuo solito, dopo i vari consigli delle amiche tu rimani la mia ultima possibilità per venir a capo di questa situazione. Sandrina 85
Beh, ce lo dovresti ggià sapé come la penzo su ‘sta quistione. Ner senzo che se c’è dda scopà, se scopa, finché se tratta da divertisse pò ffà solo che bbene: essi ‘mber “parcheggio de cazzi” e nun te stà tanto a formalizzà… Certo… Poi ce stanno cquei casi de pischelle che scòpeno perché nun cianno antro modo pe comunicà coll’antro sesso, allora lì se tratta de “cimiteri de cazzi” (e nun fà bbene né ar vennitore, né ar contraente), ma nun me pare mo er caso.
Che dditte? Da ‘na parte te stimo eh, però dall’antra stò a penzà a cuer poro cristiano che stai a ffà ppenà e che nun sà ‘n cazzo. E nun solo perché è convinto, er cojone, che sei Giggi Cagni e ggiochi colla punta unica, ma ppuro perché hai detto la cosa ppiù meschina che je potrebbi dì: che co cquer ciancicone de cazzetto che s’aritrova, nun pò compète co cquer mandingo sbiadito che te fà esonnà la sorca in onore a Fucuscima. Però ao, che tte devo dì? Fai bbene. Co tutte ‘ste domanne retoriche forze te stò a sembrà confuso…
Er fatto è cche siconno me, l’analisi te la sei fatta ggià dda sola, pe falla breve racchiudi er tutto nell’assioma che er primo lo controlli, mentre er siconno no. La cosa che leggo tra lle righe è cche tte piasce mpò da esse dominata. Ar primo, anfatti, je getti solo ‘na vagonata de mmerda addosso, mentre che er siconno lo descrivi come er più gaggio der bigonzo. Ergo te stai a ttené er primo perché te piasce ‘sta cosa che lo domini, te tieni er siconno perché te piasce pure ‘sta cosa che te domina. Detto tra mme e tte, ‘ste cose ppiù de tanto nun pônno annà avanti. Qual è er problema d’avecce ‘na relazione paritetica? ‘O capisco che è diffiscile pe tutti trovà er popo simile, però nun se potemo sempre e ancora ‘ncartà in ‘sta dinamica da Ersciafffe nun te Cnesciaffe (ovvero ‘a dialettica servo-padrone de cquell’omo de zzero de Eghel) che tanto nun porta da nessuna parte. A ‘n certo punta er cazzo se smoscia, la fregna se ‘ncrosta, le chiappe cadeno, le zinne ariveno all’artezza della fregna, le palle all’artezza delle chiappe… Quinni attenta a nun tirà la corda troppo pelle lunghe e cerca de chiude er discorso prima de chiude bottega.
Per ora daje de bbicamerale: scopete l’uno e scopete puro l’antro! Continua a nun fallo sapé e poi, ao, quanno che te cioccheno amen, intanto te sei fatta la tua bbôna dose de spaccate. T’ô detto, siconno me alla fine della fiera scejerai “Er proboscide”. L’antro tipo poi, se ne farà ‘na raggione, d’antronne la vita è d’â Lazzio.

Dude Mag è un progetto promosso da Dude