×
×
È arrivato il momento di iscriverti
Segui Dude Mag, dai!
La Posta del Cuore
12 Gennaio 2014

La posta del Cuore • Sperma che ti passa

Caro Nino, ti leggo sempre e avrei bisogno dei tuoi preziosissimi consigli. Vivo il classico dramma di tutti quei figli che affrontano la propria vita cercando di non ripetere gli errori dei genitori. Ho una storia da ormai sei anni e invece di pensare a figliare il solo pensiero mi mette addosso un’ansia infinita. Ho qualcosa che non va? Miss K Lorina 86
Ecchelallà. ‘N’antra de ‘ste domande in cui dentro ce stanno tante de quelle pippe che pareno scritte da Massimo Facioli pe ‘n firm de Bellocchio. Comunque, ormai è ita quinni me tocca. Allora, te l’ha cchiesto lui de sfrittellà ‘na bella pastella de liquidi ggenitali, pe ppoi fatte squadernà la soreca da ‘n camisce e ‘n ostrica pe riempì de ggioja le vite vostra? Si è ccosì e te cciai l’anzia, beh… sò cazzi amari come la scicoria che ppôi riccoje sur Muro Torto. In tar caso cuarche speranza la pôi ripone ner fatto che magari chicco spara a sarve. Pe nun fatte sgamà, pôi fà ‘n barbatrucco testato da ‘n amico mio profeta, che disce avè scoperto dall’attività orale dell’oracoli della Sibbilla Cumana. Quanno che ‘na vorta che ve infrociate, cerchi de fallo eruttà su ‘na superficie che ddia ‘mpò de contrasto (la panza anfatti nun è popo er massimo). Si noti che è tutta acquetta tipo arbume, mentre che de montato a nneve nun c’è nnulla, allora pô esse che l’omo tuo è come er cannone der Giannicolo; se ‘nvece te fà ‘na slavina e te crea ‘n Vatnajucul (la bbonanima) allora adà comincià a portà le mutanne in lavanneria.
‘Sta robba però me pare troppo semplicistica. Perché ciai l’anzia de sgravà? Io te posso dì che le uniche cose pe cui te pôi ‘ntoppà er gozzo co ‘n magone sò ddue. La prima è cche sete du morti de fame e ancora nun avete realizzato manco ‘n’anticchia de li proggetti che v’appuntavate sulle Smemoranna a scôla; a ‘sto punto ve capisco: sce vônno li mengoti, sce vô er sacrifitio della vita privata, ecc. Ché mmica ‘o pôi fà pe sfizzio er pupo, o ancora peggio faje pagà a pposteriori li fallimenti vostra. L’antra cosa è cche ‘nvesce nun t’aregge de cresce e pasce ‘n fijo in ‘sto monno ‘nfame e colle corna; sei de cuelle issàte a Ghete e Car Cobbein, peccui la vita è nammerda, l’omini sò stronzi, l’amore è sofferenza, mejo frosci che della Lazzie e antre amenità.
Si pperò te stai a ffà probblemi d’antro genere, accanna, lassa perde popo. Ma no er pupo eh! Le paranoie! Ciai paura che cor pupo poi la storia cor secco finisce? Ao se adà finì, adà finì, pupo o non pupo. A tte tte deve interessà solo da essete scérta ‘n omo che è ‘n padre coi controcazzi, ma tanto questo lo sai fin dall’inizzio, se sgama subbito, nun pôi cascà dar monte der sapone, ar massimo è cche ce vôi cascà! L’anzia da esse o mmeno ‘na brava madre invesce è tautologgica: stà a ddì che ggià ssi tte poni la quaestio è mórto probabbile che quanto meno ce la metterai tutta a cresce ‘sto moccioso. E ppure ‘sta cosa che nun vôi ripercore l’orori de cuei disgrazziati che t’hanno messo ar monno, pô esse ascritta a ‘sta tua probbabbile indole materna… Vabbè mo me fermo che me stò a rompe er cazzo io, figuramose a cchi già nun je ne fregava ‘n cazzo… In teoria toccherebbe parlà de ‘sta cosa der confronto imperituro coll’operato dei genitori… Però mo devo annà a fà antro che è ‘na settimana che stò a cacà sangue, manco fossi indisposta.
Illustrazione Andrea Chronopoulos

29 Dicembre 2013

La posta del Cuore • L’amore ar tempo dell’UHT

Caro Nino, leggo da sempre la tua rubrica, e ogni settimana spero di trovare nelle risposte alle sventure altrui, qualche dritta per il pasticcio di cuore in cui mi trovo io. Nulla finora, così ho deciso di farla finita con la timidezza e di scriverti. Sto uscendo con un ragazzo intelligente, brillante e piuttosto alto, ma non ci vediamo spesso. Dal momento che abbiamo uno stile di vita e impegni completamente diversi, il tempo libero cerchiamo di concedercelo al meglio e devo dire che quando ci riusciamo le cose filano. Fin qui tutto bene, se non fosse che mi sono scoperta completamente infatuata di un altro, non un altro qualsiasi, ma un amico (di entrambi) che sento e vedo ogni giorno, con cui mi diverto da morire e ogni tanto scazzo anche! Stessi interessi, ore al telefono… Insomma siamo una perfetta coppia che non consuma. Lui però non si sbilancia, è molto orgoglioso e io ho paura di fare il primo passo. L’altro giorno eravamo in macchina in silenzio e il maledetto revival alla radio suonava “Kiss me”… Lui non ha fatto nulla e nemmeno io. Così quando è sceso, io sono corsa tra le braccia di quello più alto. Vigliacca o semplicemente stupida? Nunzia.
Perché me chiedete le cose si cciarivate da sole?! Ovvio che sei ‘na cojona e puro ‘na cacasotto. Che probblema c’è a frequentà du tordi? Ciai er pepe ar culo che nne devi sceje subbito uno? Che succede sinnò? Te scade la sorca e tte vengono fôri solo fiji Stive ‘n Oching?! Tutto ’sto mio sciorinà sentenzia, viè dar fatto che mm’hai dato a ccapì che nun sei fidanzata co gnisuno: cor brillante te sce frequenti e cor brillocco c’esci malizziosamente. 
Er primo me pare de capì che è er fidanzato perfetto, t’ô dico papale papale. Si cce stai bbene, ma pperò sete così tanto diversi, vor dì che generarmente pô funzionà: anzi, co ‘n bbôn turnover te sce qualifici puro in Sciènpio Lig (ché in Europa è puro mejo: spazzi larghi, te la ggiochi a vviso aperto, li rigori te li fischieno fascile – mica come da noi). Me fà riflette, sulla tua profondità di valutazzione umana, ‘sta cosa che cce tieni a ripeteme che è ‘m botto arto. Figurete, ar novantesimo, se stai sotto de ‘n gò, la bbutti in mezzo e cce penza lui, però poi er resto der tempo, che tte tocca giocà palla a tera, che cazzo ce fai? E mo nun famme spiegà la metafora carcistica.
Er siconno invece me sembra la ppiù classica de l’infatuazzioni incestuose solipsistiche. Siccome che nun sei ermafrodita e nun c’è modo arcuno ar che tte tte possa trivellà dda sola, te sei cercata la scannerizzazzione der grugno tuo pe potette amà, senza sentitte accusata d’esse afflitta dar complesso de Ddio. Certo si mme dici che co “Chis mi” te sfarfalla ‘a panza, manco vojo immagginà ‘sti interessi che cciai ‘n comune co ‘sto bbeduino… I pattini a rrotelle? Er revival de “Indovina chi” de cuer pelato coll’alopecia de Bill? La letteratura minimalista americana? Sì. Lei. Proprio Lei. Cazzo. 
Mo nun me va de rompete li cojoni a ditte quanto è ‘na cacata ‘sta cosa de escì co uno che è la copia de te. Perché poi si ccominici a ppisicanlizzà prima te, poi l’amico tuo, poi tu padre e tu madre (eterni déicidi giudii pella scienza de zzio Siggismondo) e ‘nfine quello scardabbagno sbusciocofana della vicina coatta che nun te saluta mai, va a finì che mme diventi lo stereotipo der cacone snob che, a ffuria de magnà omoggeneizzati de curtura da salotto uichipedia, se trascina in un’esistenza fatta d’orpelli, de ciance, de cazzetti mosci e de pareti vagginali foderate de compensato. Quinni fatte meno pippe mentali e divertite finché sciai da divertitte. Poi quanno che senti lo schiccherone che tte sbobbina er core, sceji la bbusta coll’argenteria e er tivvùcolor che er sor Magalli te propone, ‘ncroscia le dita e spera d’avé lla sorca UHT si nun voi avé ‘n fijo fisico.

22 Dicembre 2013

La posta del cuore • La Sociologia der Divano

Mannaggia Nino ho un problema! Mi ritrovo spesso aizzato dai miei amici a partecipare a delle feste in cui mi assicurano sempre la scopata. Invece picche. Loro scopano mentre io mi ritrovo a fine serata sul divano con il più sfigato della festa ad osservare gli altri all’opera. Il problema è che non riesco a tenere il loro passo in più non so come approcciare con le ragazze, dato che già so che mi considerano uno sfigato e quindi da respingere a priori. Adesso arriva capodanno e la relativa dolentissima festa che avrà l’ennesimo epilogo. Come ne esco?!
Marco L.
Dar tempo de li grechi che c’è ‘na divisione: Eros e Tathanos. Aggiornato a li tempi nostri, se pô sintetizzà dividenno tra chi scopa e chi a 30 anni ancora se misura er cazzo nella speranza de passà da 13,8 centimetri, ar traguardo ppisicologgico de li 14 cm, scuffianno così groliosamente nella media. Così facenno però se ignora sia ‘o sviluppo pervico uerfer steit dalla culla alla tomba, che er funzionamento dell’impianto orgasmico femminile: “mejo largo ch’attappa, che lungo che sciacqua”).
Er tuo probblema c’ha ddu code: la paura de pijà er palo e er còcche fàit. Affrontamo ‘ste fiere pe ordine. Allora, siccome che tte fai parte della seconda categoria, ovvero li geometri fallici, nun pôi sperà de defórt da esse sommerso de patanga. ‘St’anzia de pijà er palo è ‘na sovrastruttura der cazzo derivata dallo stereotipo der maschio arfa chiappe strette e scianche langhe alla Gion Uéin. Er palo è formativo, beota che nun sei antro! Te dà sicurezza, fiducia, esperienza e manna l’anzia pe fratte a coje l’uva. L’antra chimera ch’hai da sfaciolà è er còcche fàit pell’appunto, ovvero la “bbattaja de cazzi”. In quanto complesso de inferiorità ch’attanaja ogni masculo, purtroppo nun pôi uscinne da ‘sto circolo vizzioso. Allora l’unica rimane fà bbôn viso a cattivo gioco e aspettà de capì la strateggia der nemico pe arginallo colle misure adatte: si cquello fà llo splendido devi da fà ll’annoiato, si quello te pija pe er culo devi faje ‘a supercazzola, si quello fà er dotto devi fà llo spocchioso e ccosì vvia. Purtroppo ‘sta cosa la apprendi coll’esercizzio e all’inizzio l’unica cosa che devi tené a mente è “profilo basso ma no remissivo”, sinnò te la piji facile facile ‘ndo nun batte er sole.
Come spesso anche oggi attigno a li granni penzatori pe fatte capì che sei ‘n cojone. C’era ‘na bend de crucchi nell’anni ’50, piognieri de roc ppisichedelico, che se chiamava “Scola de Francoforte”. Er lider (no nner senzo teutonico de “sonate Sturm un Ddrang”, ma nner senzo de “caporione”) era ‘n tizzio, tale Adorno, genio der gruppo ma anche gran roito demmerda. Poi c’era ‘n antro, tale Beniamin, che ‘nvece scopava come ‘n bonobo colle grupis. Anfatti mentre che cuest’urtimo, ner gruppo, mezzo ce stava e mezzo no, er poro Adorno stava sempre piegato su ‘na ssedia a scrive robba, manco fosse er Vittorio Arfieri dei Bicce Bois. Er commilitone, nell’osservà ‘sto poraccio che se ‘ndustriava invano a intenne come giraveno ‘e cose, formalizzò er modello de “Er divano nell’epeca d’â sua riproducibbilità fallica”. Pe falla breve divideva l’omini, er vero sesso debbole (in quanto perennemente dipennente da vulva), in 2 categorie:

L’omo de “l’immaggine dialettica” che incula er tempo, incartannojela a passato e futuro, popo partenno dall’urgenza dell’attualità (sintetizzata nello Ietzetzait – termine crucco che vor dì “ora è er tempo der coito”). ‘Sto prototipo archetitipo idear tipico, se presenta così come obbliquo (riprennenno la dialettica der sor Pòll Valerì da Lutezzia), in quanto pô ripete er sistema de senzazzioni ed eccitazioni quanno e cco cchi vôle. Quinni ieri te se scopa, oggi te sodomizza e domani sorpresona. Ciò ‘a chiama “Reartà Sensibbile a ddomicijio”, ner senzo che viè llui ad appoggiattelo senza che te scomodi.
Quell’antri invece sò cquelli che ancora nun se sò libberati dall’influenza der sostrato socialreligioso de besciamella de cui fruirno li bborghesi nemichi der popolino. Beniamin è quì che ddà er mejo de sé, spieganno come che si nun ce se liberà da ‘sta gabbia concettuale de misurazzione umana bbasata sulla misurazione fallica, nun se riuscirà mmai a trovà argomenti inutilizzabbili dar fascista che te incula la pischella da sott’ar naso. Urge quinni ‘na riformulazione dell’esiggenze rivoluzzionare della tua politica culturale.

Tradotto: devi rimette ‘n discussione tutto l’approccio tuo. Sinnò segui er consijo de Ungaretti, dar componimento suo che tra tutti è sempre er ppiù: “Sparate in culo”.
Illustrazione Andrea Chronopoulos.

Dude Mag è un progetto promosso da Dude